Come scegliere la muta

Il primo approccio con una muta non è sempre facile. L'importante è non sbagliare la scelta del modello, facendo caso a dettagli - banali ma non troppo - come vestibilità, galleggiamento, idrodinamicità.

1 di 5

La muta è per un triatleta un’alleata graditissima, che facilita di molto il galleggiamento e rende la frazione di nuoto meno faticosa e la nuotata più efficace e vantaggiosa. I primi approcci con lei però, non sono sempre semplicissimi. La sensazione iniziale non è fantastica. Anzi. Il trauma della ‘prima volta’ è una sensazione che accomuna moltissimi neofiti.

Scegliere una muta per il triathlon non è una cosa difficile; in fondo basta sapere poche cose basilari. Vediamole insieme.

Sembra ovvio, ma inizia assicurandoti di scegliere un modello che ti faccia sentire comodo quanto a taglia e vestibilità; poco importa avere nell’armadio una top di gamma se sbagliamo la taglia o se quel modello non fa proprio per le nostre caratteristiche antropometriche. Le mute triathlon si differenziano le une dalle altre per gli spessori di neoprene distribuiti nelle varie parti che le compongono. Le aree di maggior spessore garantiscono maggiore galleggiabilità e sostegno, mentre quelle più sottili sono deputate al consentire la massima libertà di movimento.

Quando scegli una muta abbiamo detto che devi fare attenzione massima alla vestibilità, che però dipende molto anche dalle tue preferenze. Diciamo che in linea generale la muta deve essere aderente ma non stretta, soprattutto sull’articolazione delle spalle. Fai caso quando la indossi anche se crea strane pieghe; potrebbe avere del materiale in eccesso in punti non adatti per il tuo corpo o essere troppo grande. Prova a secco il movimento delle spalle e assicurati che sia ampio e completo.

Un altro punto focale è il collo. Anche qui non devi avere la sensazione di un cappio che ti impedisce di respirare. Aderente sì ma non troppo. Anche polsi e caviglie sono due punti nei quali la muta deve aderire bene, per evitare che entri dell’acqua. Un altro punto cui fare attenzione è il cavallo; anche qui non devi sentire compressioni eccessive all’inguine.

Come già abbiamo detto, più galleggi e più sei prossimo alla superficie dell’acqua, più facile e veloce sarà la tua nuotata. Fai attenzione però, perché se è vero che il neoprene assicura il galleggiamento, è anche vero che quando il neoprene è troppo nella muta, rende meno fluidi i movimenti. È come in tutto, questione di equilibrio. Lo spessore maggiore di neoprene dovrà essere su petto e gambe, ma il contrario deve avvenire nei pressi delle articolazioni. Lo spessore del neoprene, come da regolamento delle gare, va da 1 a 5mm. Abbiamo detto che il neoprene più è spesso più ti fa galleggiare, ma allo stesso tempo ti lega nei movimenti. Alcune aziende però hanno studiato e brevettato dei neopreni particolari che migliorano le caratteristiche di elasticità e scivolamento delle mute.

Molte delle mute di miglior livello in commercio, inglobano particolari trattamenti sui materiali che le rendono più idrodinamiche, consentendo una maggiore capacità di scivolamento sull’acqua. Fatti spiegare bene dal tuo negoziante le tecnologie implementate nei modelli che ti propone e fai la tua scelta anche in base a questo.

Dopo aver capito come sceglierla, arriviamo al come indossarla; cosa non così scontata come possa sembrare. Indosserai la muta prima della gara. Avrai tutto il tempo per farlo con calma.

Fai così. Leva dal polso il GPS e occhio alle unghie. Per maneggiare il neoprene usa i polpastrelli; non correrai il rischio di rovinarne la superficie. Vaselina su polsi, collo e caviglie. Tira la muta dalle caviglie, su fino alle ginocchia e poi al cavallo. Vai poi con le braccia; infilane una per volta, su su fino alla spalla. Verifica che sia aderente alle ascelle e che non ti limiti il movimento rotatorio delle braccia. A questo punto fatti aiutare da qualcuno a chiuderla e il gioco sarà fatto. La sensazione di oppressione che ti sembrerà di avvertire a secco, sparirà presto appena ti immergerai nell’acqua. Se l’avrai indossata bene, ti accorgerai dopo poche bracciate di quale vantaggio ti consenta quanto a ritmi e percepirai una piacevolissima sensazione di galleggiamento e supporto.

Se avrai scelto bene il tuo modello e l’avrai indossato al meglio, la muta diventerà presto una compagna fidata e graditissima, rendendo la frazione di nuoto estremamente più semplice e certamente meno faticosa. Chiaramente, come abbiamo visto, la qualità e la morbidezza del neoprene fanno la differenza quanto a comfort e maneggevolezza, ma quando entrerai in sintonia con la tua muta, finirai col non poterne più fare a meno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Kettlebell: come eseguire in sicurezza snatch e swing

Il kettlebell è considerato l’attrezzo più versatile nel fitness funzionale. Ecco come usarlo nell'esecuzione di due tra i workout più comuni.

Kettlebell: come eseguire in sicurezza snatch e swing

22 January 2021

Il programma perfetto per avere super addominali

Il segreto per avere un fisico scolpito? Allenati meglio, non di più. Di seguito un circuito per allenare al top i tuoi addominali.

Il programma perfetto per avere super addominali

18 January 2021

Migliora la mobilità e cancella il dolore allenando i muscoli giusti

Lo stretching e il foam rolling possono aiutarti solo fino a un certo punto. Quello che devi fare per avere muscoli forti, sani ed elastici è eliminare gli squilibri con movimenti precisi e specifici. Prova con l'innovativo programma ideato da Greg Roskopf, allenatore, tra gli altri, del golfista Bryson DeChambeau

Migliora la mobilità e cancella il dolore allenando i muscoli giusti

13 January 2021

Ellittica vs tapis roulant: pro e contro

Non tutte le macchine cardio funzionano allo stesso modo. Abbiamo messo a confronto ellittica e tapis roulant, per analizzare vantaggi e svantaggi.

Ellittica vs tapis roulant: pro e contro

11 January 2021

Esercizi schiena: elimina lo stress con la postura corretta

Un core forte non serve solo per farsi bello davanti allo specchio. il core forte ti aiuta a migliorare la postura e questo, a sua volta, è un valido alleato per combattere lo stress

Esercizi schiena: elimina lo stress con la postura corretta

07 January 2021

Meglio il caffè o il tè verde? 8 buoni motivi per berli (o evitarli)

Per darti la carica prima del workout o anche solo per affrontare la giornata di lavoro, il caffè e il tè sono gli alleati giusti. Ma qual è più efficace?
Meglio il caffè o il tè verde? 8 buoni motivi per berli (o evitarli)

04 January 2021

Tre esercizi per un six-pack super veloce

Esegui crunch doppio, inverso e rotazione del busto con la palla medica: tre esercizi semplici e rapidi per i tuoi addominali. E se non hai la palla medica a disposizione, nessun problema, puoi sempre rimpiazzarla con quello che trovi in casa: libri, scatole, palle o sacchetti

Tre esercizi per un six-pack super veloce

03 January 2021

Le mosse giuste nel giorno di recupero

Allenarsi ogni singolo giorno della settimana non è la strategia giusta. Recupera per 24 ore e avrai benefici fisici e mentali.

Le mosse giuste nel giorno di recupero

29 December 2020

Migliora il tuo lato B

Forse non ci hai mai pensato, ma un "lato B" che si rispetti non è una prerogativa importante "solo" per le donne. Ti piacerebbe avere un didietro da urlo? Allenati con noi e inizierai a notare sguardi attenti quando ti volti.
Migliora il tuo lato B

27 December 2020

3 nuovi cardio-training

I migliori programmi d'allenamento intensivo per tenere in forma il cuore, bruciare il grasso e migliorare la tua forma fisica
3 nuovi cardio-training

23 December 2020

SALUTE