di Tom Ward - 15 novembre 2019

Tutto il buono dei probiotici

L’industria dei “batteri buoni” varrà 41 miliardi di euro entro il 2022. Ma i probiotici funzionano davvero? Osserviamoli al microscopio per capire se sono davvero una panacea per tutti i mali.

1 di 5

L’idea che il benessere generale parta dall’intestino prende sempre più piede. Se salvaguardi i batteri buoni starai meglio nel corpo e nella mente. Ma per farlo non riempirti di yogurt. La cosa migliore è assumere i probiotici in una capsula resistente agli acidi in modo da farli passare indisturbati nello stomaco e farli arrivare interi all’intestino. Per ottenerne i massimi benefici assumili mezz’ora prima di colazione.

Gli effetti della prima dose di probiotici possono variare da qualche movimento intestinale alla diarrea. Ma non c’è da preoccuparsi: la crescita eccessiva dei lieviti (succede quando mangi troppi zuccheri o carboidrati raffinati) scatena un conflitto con i batteri buoni dei probiotici. Il risultato è un bioma ripopolato dai vincitori e un aumento dell’energia.

Sfortunatamente gli effetti positivi di questi supplementi sono temporanei e durano solo finché assumi i probiotici. Se vuoi risultati a lungo termine aumenta la quantità di probiotici, che nutrono i batteri buoni e permettono loro di crescere naturalmente, così in futuro li produrrai grazie alla tua dieta e non sarai più legato agli integratori. Le fonti migliori di probiotici sono i cibi ricchi di fibre compresi gli asparagi, il cavolo e lo scalogno.

Che sia tramite integratori o tramite probiotici naturali, se migliori il tuo bioma aiuti tutto il corpo. Una comparativa di 15 studi ha scoperto che integrando la propria dieta con il lactobacillus e i bifidobatteri per un mese si dà una bella mano alla salute mentale. Gli studi che sostengono un collegamento tra intestino e cervello hanno dimostrato che i probiotici sollecitano le funzioni del sistema nervoso centrale, aiutando ad alleviare i sintomi di ansia e di depressione e migliorando anche la memoria.

I probiotici aiutano anche a perdere peso (per esempio limitando l’assorbimento nell’intestino dei grassi derivati dai prodotti caseari). Uno studio* ha scoperto che chi assume il lactobacillus rhamnosus per 3 mesi perde quasi il, 50% di grasso in più di chi a parità di dieta ed esercizio non lo assume. Un altro studio sufferisce che dosi anche minime di lactobacillus gasseri prese per 12 settimane possono ridurre dell’8,5% il grasso viscerale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Ritrova la forma con questo circuito di Functional Training

Ritrova la forma con questo circuito di Functional Training

20 gennaio 2020

Super addominali in sette passi

Super addominali in sette passi

12 gennaio 2020

Dolore cronico e genetica

Dolore cronico e genetica

08 gennaio 2020

Vuoi farti i muscoli? Usa il cervello

Vuoi farti i muscoli? Usa il cervello

08 gennaio 2020

Via la pancia una volta per tutte! Dalla dieta agli esercizi per un six-pack invidiabile

Via la pancia una volta per tutte! Dalla dieta agli esercizi per un six-pack invidiabile

02 gennaio 2020

Il miglior workout: allenamento completo, motivazione al top e gli errori da evitare

Il miglior workout: allenamento completo, motivazione al top e gli errori da evitare

30 dicembre 2019

Fall Series Throwdown: 600 crossfitter si sfidano a colpi di WOD

Fall Series Throwdown: 600 crossfitter si sfidano a colpi di WOD

23 dicembre 2019

Lavora al rematore per rafforzare braccia e dorsali

Lavora al rematore per rafforzare braccia e dorsali

20 dicembre 2019

Cosa s'intende per cardio fitness

Cosa s'intende per cardio fitness

19 dicembre 2019

Il mito del workout espresso

Il mito del workout espresso

18 dicembre 2019

SALUTE