a cura della Redazione - 16 giugno 2019

Cinque regole d'oro per esaltare il tuo six-pack

5 buone abitudini quotidiane da affiancare alle tue serie di crunch per smaltire il grasso addominale e far risaltare il six-pack.

1 di 6
Per asciugare il tuo grasso addominale, e far emergere un six-pack da urlo, contano certo le serie di crunch che esegui in palestra. Ma potrebbero non bastare: alcune cattive abitudini quotidiane potrebbero infatti vanificare i tuoi sforzi trasformando l'adipe del girovita in un nemico invincibile. Puoi rimediare da subito (e con risultati immediati) adottando questi 5 comportamenti quotidiani virtuosi e vedere i tuoi addominali scolpiti come mai prima d'ora.
Il modo più efficace per bruciare grasso addominale e sviluppare la muscolatura in questa parte centrale del corpo, è usare i pesi. Ma non il tipo di allenamento ‘rilassato’ che vedi fare a un sacco di gente in palestra: così non basta. Se quello che vuoi è un six pack da urlo, hai bisogno di una combinazione di alzate e di interval training ad alta intensità. Secondo un recente studio della statunitense Southern Maine University di Portland (Oregon), con mezz’ora di workout bruci tante calorie quante ne bruceresti correndo per la stessa durata di tempo, ad un ritmo di 6 minuti per miglio (1,60 km c.ca), con in più il vantaggio che questo allenamento ti aiuta a mettere su muscoli. Inoltre, a differenza dell’attività aerobica, è dimostrato che sollevare pesi aumenta il metabolismo per ben 39 ore dopo l’ultima ripetizione.
Hai bisogno di dormire per svelare il tuo six-pack. Questo perché la mancanza di riposo notturno, può alterare gli ormoni che controllano la capacità dell’organismo di bruciare i grassi. Ad esempio, recentemente scienziati dell’Università di Chicago hanno constatato che bastano 3 notti di sonno limitato, per far sì che le cellule muscolari diventino resistenti all’insulina, un ormone prodotto dal pancreas. Nel tempo, questo porta ad un accumulo di grasso attorno al tuo addome. Fai la cosa migliore per liberarti della zavorra e tonificare la muscolatura sottostante, coricandoti prima delle dieci. Così riuscirai ad alzarti sufficientemente presto per fare una buona colazione (e bere il tuo bicchiere d’acqua).
Stai alla larga da ristoranti e self-service, autentiche ‘armi di distruzione di massa’ per i tuoi addominali. Invece, per non sgarrare, abituati a tenere sempre in frigo un piatto preconfezionato che consumerai il giorno dopo. Scienziati dell’Università dello Iowa hanno riscontrato che tenendo sotto controllo la propria dieta e facendo attività fisica più di frequente, alcuni volontari avevano più probabilità di raggiungere i propri obiettivi, di altri che non si impegnavano in tal senso.
Come ha dimostrato uno studio dell’Università del Massachusetts, gli uomini che saltano il pasto del mattino hanno 4 volte e mezza più probabilità di avere un ventre prominente, rispetto a coloro che fanno sempre colazione. Perciò, entro un’ora da quando ti sei alzato, mangia qualcosa o butta giù un frullato proteico di almeno 250 calorie. Ricercatori britannici hanno rilevato che la quantità di cibo che trangugi a inizio giornata, è inversamente proporzionale al tuo girovita. Vale a dire, più è abbondante il tuo pasto del mattino, meno dovrai allargare la cintura. Ma non esagerare: far fuori un paio di salsicce in una botta sola, significa assumere fino a 1.000 calorie, vale a dire l’equivalente di 2 colazioni normali.
Immagina di restare a secco per tutto il tempo che passi al lavoro (niente caffé, acqua o bibite varie). Al termine di un turno di 8 ore, ti ritroverai piuttosto disidratato. Questo spiega esattamente perché dopo altrettante ore di sonno, appena alzato dovresti bere almeno un bicchiere d’acqua. Recentemente, scienziati tedeschi hanno scoperto che in questo modo il tuo metabolismo aumenta del 24% per i successivi 90 minuti. Come regola generale, bevi almeno 2 l di acqua nel corso dell’intera giornata.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Quando, quanto, come e perché: tutto ciò che devi sapere sulla creatina

Quando, quanto, come e perché: tutto ciò che devi sapere sulla creatina

20 settembre 2019

La leg press previene l'infarto: garantisce la scienza

La leg press previene l'infarto: garantisce la scienza

19 settembre 2019

Speed hiking, camminare in montagna non è mai stato così entusiasmante

Speed hiking, camminare in montagna non è mai stato così entusiasmante

17 settembre 2019

Il monitoraggio avanzato della performance

Il monitoraggio avanzato della performance

16 settembre 2019

Guida: come eseguire le serie d'allenamento

Guida: come eseguire le serie d'allenamento

16 settembre 2019

Il lavoro agli elastici per rinforzare la parte alta del petto

Il lavoro agli elastici per rinforzare la parte alta del petto

13 settembre 2019

Il body come seconda pelle: quali caratteristiche deve avere?

Il body come seconda pelle: quali caratteristiche deve avere?

09 settembre 2019

Stretching salva-schiena

Stretching salva-schiena

09 settembre 2019

Tricipiti a prova di errore

Tricipiti a prova di errore

05 settembre 2019

Come scegliere la muta

Come scegliere la muta

02 settembre 2019

SALUTE