di Fulvia Camisa - 09 luglio 2019

In bici per Milano sulle tracce di Leonardo, per sentirsi un po' British

Si chiama "Speak and cycle" ed è la formula pensata da Prêt à Parler per migliorare l’inglese scoprendo in bici i luoghi milanesi legati a Leonardo da Vinci.

L’illustrazione, realizzata per Cyclist, è di Alessio Sala (www.salae.it)

È una storia d’amore a tre quella che vi raccontiamo: Milano, la bici e l’inglese. Ma andiamo con ordine. Il progetto si chiama “Speak and Cycle” ed è un percorso culturale e divertente, tutto da pedalare. È accessibile anche ai meno sportivi, e se non si ha una due ruote c’è la possibilità di noleggiarla.

In ogni tappa, ci si ferma a dialogare in inglese guidati da un madrelingua (insegnante) che racconta la storia di Leonardo da Vinci durante il suo soggiorno milanese. Il giro in bici prevede una sosta aperitivo e porta a stretto contatto con l’arte e i luoghi dove ha vissuto e lavorato il grande genio. Solo per fare qualche esempio, dalla Basilica Santa Maria delle Grazie, con di fronte la Casa degli Atellani che custodisce il vigneto che gli donò Ludovico Sforza, fino al sistema idrico delle chiuse in via San Marco e al Castello Sforzesco.

Il progetto è stato ideato da Geraldine Mac, che cinque anni fa ha fondato a Milano Prêt à Parler, una scuola pensata per chi vuole imparare una lingua straniera immergendosi nella sua cultura, con un approccio dinamico e coinvolgente.

“Questo tour ciclistico riflette prima di tutto la nostra filosofia: imparare le lingue non soltanto in un’aula, ma vivendole. Organizziamo svariate iniziative in quest’ottica: corsi di cucina, degustazioni, aperitivi e tour a piedi. Tutti rigorosamente in una lingua straniera rispetto alla propria. Ci mancava la bicicletta e ci siamo detti: ma come è possibile?”.

Quest’anno si celebrano i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci e questi tour rendono omaggio a una parte dello straordinario patrimonio che ha lasciato nella città meneghina. “Ci piace molto l’aspetto delle soste culturali per ascoltare i commenti da parte della nostra guida. Abbiamo pensato all’inglese e al francese. Andare in bici permette di scoprire il mondo col proprio ritmo e l’abbinamento a una lingua straniera sembra perfetto”. Imparare “fuori dall’aula” per vivere un’esperienza a tutto tondo. “Il tour sarà molto conviviale, sarà strutturato come un percorso dialogato con un momento più lungo per fare l’aperitivo insieme. Pedalare permette di sentirsi liberi e di notare i più piccoli dettagli. È un modo appagante per scoprire le cose”.

“Speak and Cycle” è destinato a un pubblico adulto con un livello di inglese intermedio. Non è necessario essere sportivi ma è richiesta dimestichezza nel pedalare per le strade di Milano. Il tour costa 20 euro e comprende un’ora e mezza di escursione guidata con un insegnante madrelingua e una sosta con stuzzichini e bibite. C'è una novità: la pedalata leonardesca è declinata anche in lingua francese e si chiama “Apero Velo”.

Per saperne di più e iscriversi visitare il sito pretaparler.it.

L’illustrazione, realizzata per Cyclist, è di Alessio Sala (www.salae.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

15 luglio 2019

Il crunch perfetto

Il crunch perfetto

10 luglio 2019

Nuoto: il "trampolino di lancio" della triplice

Nuoto: il

08 luglio 2019

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

05 luglio 2019

La nuova frontiera del fitness

La nuova frontiera del fitness

01 luglio 2019

Workout: 10 trucchi anti-noia

Workout: 10 trucchi anti-noia

30 giugno 2019

Allenamento a tutta birra

Allenamento a tutta birra

27 giugno 2019

Sara Gama: difensore in campo, attaccante nella vita

Sara Gama: difensore in campo, attaccante nella vita

25 giugno 2019

15 step per diventare triatleta: garantisce Daniel Fontana

15 step per diventare triatleta: garantisce Daniel Fontana

24 giugno 2019

Proteine: le 10 verità

Proteine: le 10 verità

23 giugno 2019

SALUTE