di Corrado Montrasi - 25 settembre 2018

Europei: popolo pigro e da scrivania

Lo dicono i dati di un'indagine sullo sport e l'attività fisica svolta dalla Commissione Europea. Il 27 settembre, a Parigi, è in programma il primo evento EMoCS - European Meetings for Company Sport. L'obiettivo? Sensibilizzare le aziende sul problema. In più una sorpresa... di corsa
Si chiama EMoCS (European Meetings of Company Sport) ed è un progetto europeo nato al fine di implementare sport e attività fisica sul posto di lavoro nell’ambito del programma Erasmus+ e guidato dalla Federazione europea per lo sport aziendale (EFCS). L’iniziativa coinvolge partner europei provenienti da Italia (con Assosport), Francia, Spagna, Belgio, Slovenia e Finlandia.
Durante la settimana europea dello sport (EWows) si terrà - il 27 settembre a Parigi - il primo evento EMoCS con conferenze, tavole rotonde, testimonianze e best practice, ma anche esposizioni, sport village e una vera e propria maratona a staffetta.

I dati purtroppo parlano chiaro: secondo un’indagine sullo sport e l'attività fisica svolta dalla Commissione Europea su 28.031 cittadini dell'UE, quasi la metà degli intervistati non pratica sport, percentuale che è aumentata dal 42% al 46% dal 2013. Il 15% degli europei non cammina per 10 minuti consecutivi durante la settimana, mentre il 12% sta seduto per più di 8,5 ore al giorno.
La mancanza di tempo è il principale motivo per cui le persone non fanno attività fisica. Ecco perché favorire l'opportunità di praticare sport sul posto di lavoro è fondamentale, per favorire il benessere fisico e mentale, la produttività aziendale, i rapporti sociali, l’inclusione e le pari opportunità.

In Italia già da tempo Assosport (Associazione Nazionale per gli Articoli Sportivi) promuove la pratica sportiva e tenta di sensibilizzare le imprese a investire nel movimento.
L’occasione dell’evento EMocs è anche quella di creare a livello europeo un framework di certificazione per un'etichetta Active Workplace in ciascuna azienda come certificato etico di impegno attivo nella salute dei propri dipendenti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
SALUTE