a cura della Redazione - 18 agosto 2019

Six-pack: 6 dritte extra

Per addominali perfettamente definiti non basta andare in palestra e fare i crunch. Ecco le sane abitudini quotidiane che scolpiranno i tuoi abs.

1 di 6

Un six pack ben definito, oltre a conferirti sex appeal, è la prova che sei in buona forma fisica. Ma per ottenerlo non è suficiente andare ogni giorno in palestra e darci dentro con i crunch. Servono anche alcune sane abitudini quotidiane che ti possono aiutare ad asciugare il grasso addominale e a far risaltare la tua tartaruga. Le dritte che trovi di seguito ti aiuteranno a ottenere un addome piatto a tempo di record.

  1. Solleva carichi più pesanti

Non solo ti farà bruciare più calorie durante l’allenamento, ma potrebbe anche aumentare di circa l’8% il tuo metabolismo durante il sonno, sostengono i ricercatori della Washington University School of Medicine di St. Louis (Missouri, Stati Uniti). Così potrai bruciare più calorie mentre sei a letto e recuperi le energie.

Una delle cose migliori che puoi fare per il tuo organismo è passare più tempo a letto. Da uno studio compiuto da ricercatori di Harvard (USA) su oltre 68.000 volontari, è emerso che coloro che avevano dormito meno di 5 ore a notte, pesavano quasi 2 kg e mezzo di più e avevano maggiore probabilità di diventare obesi, rispetto ai partecipanti che si erano concessi più di 7 ore di sonno. Una delle spiegazioni plausibili è che basta una sola notte di sonno insufficiente, per stimolare l’attività del cosiddetto ‘centro della ricompensa’ del cervello, che porta ad abbuffarsi di cibo. A conferma di ciò, un altro studio condotto da ricercatori dell’Università di Chicago (USA), ha scoperto che i ‘brevi dormitori’ assumevano, in media, 220 calorie in più al giorno, rispetto a coloro che riposavano per un numero adeguato di ore.
Ha più importanza la quantità di calorie che ingurgiti con ogni spuntino, piuttosto che il numero di pasti regolari che consumi giornalmente. Lo sostiene una ricerca della North Carolina University (USA), secondo cui gli snack ipercalorici possono portare ad assumere fino a 500 calorie nell’arco di 24 ore, il che si traduce in mezzo chilo circa di ciccia in più. Quindi stai alla larga dalla macchinetta degli snack...
Ogni volta che consumi un pasto che non contiene proteine, stai dicendo al tuo corpo che non vuoi bruciare più calorie. Queste ultime, infatti, non solo contribuiscono al controllo della glicemia e riducono il senso d’appetito facendoti sentire più sazio, ma bruciano anche più calorie durante la digestione, permettendoti di restare snello e, nel contempo, di godere dei tuoi piatti preferiti. Inoltre, arrestano la disgregazione muscolare e forniscono la materia prima per costruire nuovi tessuti.
Avrai già sentito dire che per buttare giù grasso è meglio fare cinque o sei piccoli pasti al giorno. La ragione fondamentale è che la digestione richiede energia, e quindi distribuire le calorie in vari spuntini durante il giorno, mantiene attivo il metabolismo e sotto controllo la fame. Ma attenzione, ciò che determina il numero di calorie che bruci durante i pasti non è legato alla frequenza con cui ti alimenti, ma piuttosto a quello che mangi. Quindi, se assumi 2.000 calorie al giorno, non importa quanti pasti farai: la quantità bruciata con la digestione rimarrà la stessa.
Anche se credi che il l'allenamento cardio sia un modo efficace di perdere grasso, più lunga è la distanza che copri, più migliorerà la tua tecnica e meno calorie brucerai. Inoltre, percorrere lunghe distanze può richiedere un pesante tributo fisico che rischia di smorzare il tuo entusiasmo. E si sa, dolori e noia fanno sì che molti runner scoppino e rinuncino al loro sport preferito.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

6 ragioni per cui non perdi peso

6 ragioni per cui non perdi peso

22 settembre 2019

Quando, quanto, come e perché: tutto ciò che devi sapere sulla creatina

Quando, quanto, come e perché: tutto ciò che devi sapere sulla creatina

20 settembre 2019

La leg press previene l'infarto: garantisce la scienza

La leg press previene l'infarto: garantisce la scienza

19 settembre 2019

Speed hiking, camminare in montagna non è mai stato così entusiasmante

Speed hiking, camminare in montagna non è mai stato così entusiasmante

17 settembre 2019

Il monitoraggio avanzato della performance

Il monitoraggio avanzato della performance

16 settembre 2019

Guida: come eseguire le serie d'allenamento

Guida: come eseguire le serie d'allenamento

16 settembre 2019

Il lavoro agli elastici per rinforzare la parte alta del petto

Il lavoro agli elastici per rinforzare la parte alta del petto

13 settembre 2019

Il body come seconda pelle: quali caratteristiche deve avere?

Il body come seconda pelle: quali caratteristiche deve avere?

09 settembre 2019

Stretching salva-schiena

Stretching salva-schiena

09 settembre 2019

Tricipiti a prova di errore

Tricipiti a prova di errore

05 settembre 2019

SALUTE