a cura della Redazione - 07 aprile 2019

Le 10 regole perdi-peso

Il decalogo (che vale per tutte le diete) per dimagrire in modo equilibrato. Preservando la salute e senza ritorno ai kg di partenza.

1 di 10
... o corri il rischio, entro due-tre anni al massimo, di recuperare tutto il peso perso. E magari pure con gli interessi!
Una dieta sana è sempre e solo una dieta bilanciata, dove trovano spazio tutti gli alimenti nella giusta quantità. Piuttosto, sceglili “integrali” invece che lavorati e raffinati (sono di solito meno calorici e inoltre ti mantengono sazio più a lungo).
Il primo mese di dieta puoi arrivare a perdere anche 3 o 4 kg. Nei seguenti però non andare oltre il singolo chilogrammo ogni trenta giorni, altrimenti rischi scompensi pericolosi per la salute.
Ovvero: più che a perdere chili punta soprattutto a ridurre il tuo girovita di 1-2 centimetri al mese, in 6 mesi. Ridurrai così non solo la pancia, ma anche il rischio di disturbi cardiaci (che è più alto negli uomini con 102 cm o più di girovita).
Evita i grassi saturi (carni grasse, burro, panna, formaggi stagionati). Gli altri sono invece utili all'organismo tanto quanto gli altri nutrienti: sbagliato farli scomparire del tutto dalla tua dieta.
Torte, caramelle, cioccolato e bibite: ecco l'elenco degli alimenti dolci da tenere (ampiamente) sotto controllo. Da aumentare invece il consumo di cereali integrali, così come quello di frutta e verdura.
Con 7 kcal per grammo l’alcol è decisamente ipercalorico: se vuoi dimagrire davvero, niente superalcolici! E limita il vino a un bicchiere a pasto (meglio se rosso per il contenuto in antiossidanti, sostanze benefiche per la tua salute).
Meglio ancora se arrivi a tre litri al giorno: l’acqua serve infatti per tutti i processi dell’organismo, incluso quello che fa bruciare il grasso. Senza contare che se sei ben idratato, rimani pure sazio più a lungo.
E praticalo alla giusta intensità: verifica che il tuo allenamento ti faccia lavorare al 60-70% della tua frequenza cardiaca massima per 30 minuti, 4 volte la settimana, perché è quella la fascia in cui l'organismo brucia meglio il grasso. Per conoscere indicativamente la tua frequenza cardiaca massima, sottrai a 220 la tua età: un uomo di 30 anni ha per esempio una frequenza cardiaca massima di 190 battiti cardiaci al minuto e, per bruciare i grassi con l'attività fisica, deve allenarsi tra i 114 e i 133 battiti al minuto per almeno 30 minuti.
I tuoi sforzi non ti premiano? La situazione va allora valutata con l'aiuto di uno specialista, che imposterà un piano alimentare su misura. E ricordati che se sei un soggetto a rischio (per malattie croniche o per familiarità rispetto a determinati disturbi), è sempre fondamentale impostare la dieta con la consulenza di un medico.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

15 luglio 2019

Il crunch perfetto

Il crunch perfetto

10 luglio 2019

Nuoto: il "trampolino di lancio" della triplice

Nuoto: il

08 luglio 2019

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

05 luglio 2019

La nuova frontiera del fitness

La nuova frontiera del fitness

01 luglio 2019

Workout: 10 trucchi anti-noia

Workout: 10 trucchi anti-noia

30 giugno 2019

Allenamento a tutta birra

Allenamento a tutta birra

27 giugno 2019

Sara Gama: difensore in campo, attaccante nella vita

Sara Gama: difensore in campo, attaccante nella vita

25 giugno 2019

15 step per diventare triatleta: garantisce Daniel Fontana

15 step per diventare triatleta: garantisce Daniel Fontana

24 giugno 2019

Proteine: le 10 verità

Proteine: le 10 verità

23 giugno 2019

SALUTE