14 dicembre 2018

Come non ammalarsi in viaggio

Non farti rovinare il viaggio da un’influenza improvvisa. Stai lontano da virus e germi. Ti spieghiamo come.
Hai prenotato mesi fa (o magari anche all’ultimo) e da allora ti pregusti questo viaggetto con cui finalmente staccherai la spina e ti rilasserai in barba a tutto e a tutti. Buon per te ma attento a non portare in vacanza con te qualche virus.

Se prendi l’aereo, ecco le semplici strategie da considerare per non ammalarti durante il viaggio (facile, vista la stagione), così eviterai di rovinarti la vacanza…

1 di 5
Ci sono oggetti sull’aereo che sono un vero tripudio di microbi e germi: le riviste di bordo, il tavolino davanti al tuo sedile, la maniglia del bagno… Lo sapevi, per esempio che 4 su 6 tavolini sono contaminati con il virus dello Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA) e i 30% di lavandini del bagno ospitano l’Escherichia coli. In aereo cerca di non toccarti troppo gli occhi e il naso: è da qui che il virus del raffreddore di solito entra nell’organismo. Se vuoi essere ancora più sicuro lavati le mani con il gel disinfettante subito dopo aver toccato un oggetto critico.
Lo spray nasale è molto utile perché mantiene umida la membrana nasale e fa piazza pulita di allergeni e irritanti. Usalo prima di salire sull’aereo, quando vai al bagno e quando atterri.
Bevi tanta acqua e limita al massimo le bevande alcoliche. L’alcol infatti non solo indebolisce il sistema immunitario ma scombussola il tuo ritmo circadiano amplificando il jet lag.
Direziona la bocchetta dell’aria sopra il sedile in modo che soffi davanti alla tua faccia. In questo modo si crea una sorta di barriera d’aria. Se i tuoi vicini tossiscono o starnutiscono questo muro d’aria soffierà via i germi allontanandoli da te.
I germi non sono l’unica minaccia alla salute. Se stai troppo seduto rischi la trombosi alle gambe. Prima di imbarcarti cerca di stare il più possibile in piedi e di muoverti e una volta a bordo di tanto in tanto alzati per sgranchirti le gambe in corridoio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
SALUTE