11 April 2018

Red Bull Ragnarok

Il 7 aprile in Norvegia si è svolta la nona edizione della gara di snowkiting più dura di sempre.
  • Salva
  • Condividi
  • 1/18 credits Kyle Meyr / Red Bull Content Pool

    Quando lo sci si unisce al kitesurf nasce lo snowkiting. E quando Red Bull ci mette lo zampino nasce Ragnarok, la gara di snowkiting più grande del mondo.

    In quella che è stata la nona edizione di questa gara che in meno di un decennio è già diventata leggenda, 350 partecipanti provenienti da 30 nazioni si sono dati appuntamento sul pleateau norvegese di Hardangervidda. L’obiettivo? Fare 5 giri del brutale tracciato lungo 105 km in 5 ore usando gli sci o lo snowboard e, ovviamente, la vela del kite. Si parte tutti insieme, sci e snowboard, e poi i più bravi iniziano a staccare gli altri.

    La distanza quest’anno è stata ridotta a 105 km perché nel 2017, in cui la gara prevedeva 130 km, sono arrivati al traguardo solo in 8 nel tempo massimo prestabilito.
    Quest’anno tuttavia, a causa delle condizioni del vento che nelle ultime ore di gara è calato drasticamente, tant’è che sono tre persone hanno tagliato il traguardo in tempo.

    Il vincitore di questa edizione è il tedesco Florian Gruber, che ha battuto il campione dell’anno scorso Felix Kersten di due soli minuti, dopo 4 ore di gara serrata. Al terzo posto si è piazzato Jonas Lengwiler.
    Gruber, già vincitore nel 2016, ha commentato così la gara e la vittoria: “è la terza volta che partecipo a questa gara e devo ammettere che questa è la Red Bull Ragnarok più difficile di tutte! All’inizio il vento era buono e potevamo usare vele piccole ma poi abbiamo dovuto tirare fuori quelle più grosse. Avevo sempre qualcuno davanti a me ma sono riuscito a non farmi staccare e a riprendere Felix e Jonas proprio prima dell’ultimo giro. È stata una lotta serrata con il vento che andava e veniva quindi sono veramente contento e soddisfatto del risultato”.
    Nessuno snowboarder invece è arrivato al traguardo in tempo. La vittoria, tra i migliori “perdenti”, è andata al canadese Martel e alla russa Garashenko.
    Tra le donne, infine, è arrivata prima la veterana di questa gara, l’inglese Steph Bridge, che è al suo quarto titolo, seguita dalle due norvegesi Frøydis Sjøvold e Camilla Ringvold.

    Nel 2016 solo 25 dei 350 partecipanti sono riusciti a completare in tempo tutto il percorso, all’epoca di 100 km. Nel 2017 la distanza era stata portata a 130 km e sono arrivati al traguardo solo in 8. Così per il 2018 si è deciso di ridurla a 105 km eppure, per via delle condizioni del vento nell’ultima fase della gara, solo 3 hanno completato tutti i giri nel tempo prestabilito.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    ALLENATI CON MH

    10 bodyweight exercises by Fabio Inka

    10 bodyweight exercises by Fabio Inka

    27 June 2017

    Più muscoli alle tue braccia ma senza pesi

    Più muscoli alle tue braccia ma senza pesi

    18 May 2016

    Salta che ti passa

    Salta che ti passa

    02 November 2017

    Quanta acqua bere quando ti alleni?

    Quanta acqua bere quando ti alleni?

    06 October 2016

    Gambe come acciaio, ma senza pesi

    Gambe come acciaio, ma senza pesi

    18 May 2016

    30 minuti di work out, sulla scia dei campioni

    30 minuti di work out, sulla scia dei campioni

    01 October 2018

    Più muscoli, meno pesi!

    Più muscoli, meno pesi!

    18 May 2016

    Com'è il tuo lato B?

    Com'è il tuo lato B?

    12 May 2016

    Addominali da Hollywood

    Addominali da Hollywood

    19 May 2014

    Puoi velocizzare il tuo metabolismo e perdere peso?

    Puoi velocizzare il tuo metabolismo e perdere peso?

    17 September 2018

    SALUTE