di Max Grassi - 18 gennaio 2019

I segreti per una rasatura perfetta

Nell’arco della nostra vita ci facciamo la barba in media più di 10.000 volte. Ma quanti di noi sanno esattamente come comportarsi davanti allo specchio? Ce lo spiega la dottoressa Kristina Vanoosthuyze che abbiamo incontrato a Boston, nel quartiere generale di Gillette, e con cui abbiamo sfatato anche qualche luogo comune sul farsi la barba.

1 di 5
Sulla faccia e sul collo di un uomo risiedono qualcosa come 10.000 peli. Lo avreste mai immaginato? Come eliminarli quotidianamente dovrebbe essere una questione rilevante (qui i nostri consigli su come farsi la barba in sei mosse) visto che a questa attività dedichiamo parecchio tempo e (calcolando una media di 4 tagli a settimana su 50 anni) sono più di 10 mila le rasature che affrontiamo nell’arco della nostra vita. Ma molti di noi non hanno mai visto un altro uomo radersi o, nel migliore dei casi, tutto quello che sappiamo sulla rasatura arriva dai precetti di un genitore o di un fratello maggiore. In questo modo però anche le cattive abitudini possono essere tramandate di generazione in generazione. Insomma, molto spesso quello che succede davanti allo specchio è un festival del fai-da-te.
Ma come dovrebbe essere eseguita una rasatura perfetta? Quella, per intenderci, che una volta era prerogativa del barbiere sotto casa che ci coccolava con asciugamani tiepidi e colpi di lama leggeri e misurati? Siamo volati fino a Boston, nel Massachusetts, dove ha sede la Gillette Company, l’azienda fondata nel lontano 1901 dal mitico King Camp Gillette e che è leader nella produzione di rasoi e relativi accessori. Lì abbiamo incontrato la dottoressa Kristina Vanoosthuyze, Senior Manager Scientific Communications Gillette at Procter & Gamble, insomma un’istituzione nel campo.
Una donna? direte voi… Ebbene sì, perché proprio questa scienziata belga ha studiato quotidianamente (e ancora studia) le abitudini di rasatura di 80 uomini, utilizzando telecamere ad alta precisione presso il Centro di innovazione di Gillette a Reading nel Berkshire inglese. I suoi video hanno rivelato cosa succede quando i rasoi multilama passano sui peli della barba. Ecco cosa ci ha raccontato.
La sede principale di Gillette a Boston (Stati Uniti)
La dottoressa Kristina Vanoosthuyze, Senior Manager Scientific Communications Gillette at Procter & Gamble
Nei suoi studi lei ha svelato la scienza che si nasconde dietro la rasatura e come si comportano gli uomini davanti allo specchio.
Esatto, ad esempio abbiamo notato che ci sono uomini che si fanno la barba con 30 colpi di rasoio e altri con 700; uomini che terminano in 30 secondi e altri che impiegano 20, anche 25 minuti. Abbiamo spiato un momento solitamente molto privato grazie a 80 soggetti che vengono nei nostri laboratori ogni giorno per radersi. Li abbiamo reclutati, ovviamente, con caratteristiche molto diverse tra loro e differenti età perché le barbe non sono tutte uguali e soprattutto non si può parlare di barba senza considerare la pelle perché le due cose sono strettamente connesse tra loro.

Quindi farsi la barba significa anche prendersi cura della pelle.
Proprio così, quello che la gente non sa è che farsi la barba è più una questione di sapersi prendere cura della pelle. È per questo che sui nostri rasoi abbiamo inserito quegli inserti colorati attorno alle lame e che assomigliano un po’ a delle spugne. Sono fondamentali, perché impregnano la pelle di lubrificante. Le molecole che formano questi inserti amano l’acqua e appena bagniamo il rasoio, loro cominciano a rilasciare il liquido lubrificante per facilitare la rasatura. E poi chiaramente la differenza la fa la qualità della lama, fondamentale per una buona rasatura così come l’acciaio che viene utilizzato per produrla. Quelle di Gillette sono più sottili dei bisturi che vengono utilizzati in sala operatoria.

Qual è il momento migliore per radersi?
Non esiste un momento ideale, giorno o sera non fa differenza ma esiste un periodo migliore se parliamo di sequenza di eventi. Dico sempre, a chi mi fa questa domanda, che la doccia è meglio farla prima della barba e non dopo. O comunque lavarsi viso e collo con un detergente delicato prima di radersi; questo perché i peli sono molto forti, quanto un filo di rame, ma hanno una grande affinità con l’acqua e una volta a contatto i peli diventano molto più soffici e più semplici da tagliare senza irritare la pelle.
Sulla questione se sia preferibile radersi a favore o contro pelo cosa ci può dire?
È una domanda difficile perché i peli facciali di un uomo tendono a crescere in direzioni diverse, quindi anche se si crede di radersi “a favore”, alcuni peli saranno inconsapevolmente tagliati contropelo. La cosa migliore sarebbe andare in un senso poi tornare a mettere il gel o la schiuma e farlo nel senso opposto. I nostri studi hanno evidenziato come peli e follicoli differiscono su guancia, collo e mento. Sulla guancia assomigliano alla forma di un uovo, mentre sul mento sono più larghi sul lato inferiore rispetto alla parte superiore. I peli del collo sembrano simili a quelli del mento, ma sono più spessi e robusti. Anche la pelle della guancia è più piatta rispetto agli urti rialzati sul collo. Questo suggerisce che la rasatura in una direzione sulla guancia potrebbe non avere lo stesso effetto se utilizzata sul collo. Ma la rasatura “a favore” è spesso il miglior punto di partenza.

Quali sono gli errori più comuni che si commettono durante la rasatura?
Non idratare la pelle prima di radersi e poi, come dico sempre, mai colpire con il rasoio i bordi del lavandino per liberarlo dai peli. I rasoi sono progettati in modo preciso ed è sufficiente passarli spesso sotto l’acqua. Tutto quello che si ottiene colpendo il rasoio è danneggiare le lame che sono allineate in modo ultra preciso e se si disallineano possono creare problemi e sicuramente il rasoio avrà una vita molto più breve.

Può svelarci qualche trucco?
Più che un trucco, una curiosità. Molti non sanno che in cima ai nostri rasoi della serie Fusion c’è un’ulteriore lama di precisione con cui è possibile definire accuratamente i contorni come le basette o il pizzetto.
In alcuni dei suoi prodotti, quelli della serie power, Gillette offre anche una funzione di vibrazione. A cosa serve e per chi è utile?
La vibrazione solleva ulteriormente i peli e riduce l'attrito causato dalle lame, permettendo a queste di scivolare meglio sulla pelle. Ad alcuni piace, ad altri meno ma è una funzione molto soggettiva che ha a che vedere con il comfort.

Dopo quanto tempo vanno cambiate le lamette?
La risposta è molto semplice, appena non ci si sente più a proprio agio con il rasoio. La durata della lama di un rasoio dipende da vari fattori: la qualità, il modo in cui è realizzata, la frequenza con cui ci si rade, l’eventuale uso di gel da barba. Abbiamo notato che la gente cambia la cartuccia tra i 14 e i 16 utilizzi. Una delle nostre migliori lame, ad esempio, è in grado di offrire fino a un mese di rasatura. Ma non si può dare indicazioni precise su questo perché dipende da quanti peli si hanno, così come se si idrata bene la pelle. Poi, come dicevamo prima, se si sbatte il rasoio contro il lavandino la sua vita diminuisce.

In tanti sostengono che farsi la barba ogni giorno fa sì che cresca più velocemente e più resistente. È vero?
“È un mito! A decidere quanto veloce cresce la barba è la genetica. Se fosse vera questa leggenda metropolitana non avremmo uomini calvi”.
Attualmente disponibile solo in Usa (ma tra breve lo sarà anche da noi), a New York abbiamo potuto costruirci da soli il nostro rasoio perfetto, grazie al servizio di stampa 3D e alla tecnologia messa in campo da Gillette. Centinaia le combinazioni possibili, dalla scelta delle lame (3 o 5) per arrivare fino al manico, con ovviamente la possibilità di inserire un nome per rendere il rasoio davvero unico. Un’idea regalo irresistibile.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

15 luglio 2019

Il crunch perfetto

Il crunch perfetto

10 luglio 2019

Nuoto: il "trampolino di lancio" della triplice

Nuoto: il

08 luglio 2019

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

05 luglio 2019

La nuova frontiera del fitness

La nuova frontiera del fitness

01 luglio 2019

Workout: 10 trucchi anti-noia

Workout: 10 trucchi anti-noia

30 giugno 2019

Allenamento a tutta birra

Allenamento a tutta birra

27 giugno 2019

Sara Gama: difensore in campo, attaccante nella vita

Sara Gama: difensore in campo, attaccante nella vita

25 giugno 2019

15 step per diventare triatleta: garantisce Daniel Fontana

15 step per diventare triatleta: garantisce Daniel Fontana

24 giugno 2019

Proteine: le 10 verità

Proteine: le 10 verità

23 giugno 2019

SALUTE