di Roberta Lamagni - 26 giugno 2019

Nike presenta la nuova famiglia Metcon, la scarpa da Crossfit firmata Mat Fraser

Quattro nuovi modelli, specifici per ogni tipo di atleta, più una versione personalizzata dal campione di CrossFit Mat Fraser. È la nuova collezione Metcon di Nike, calzature studiate per il fitness.

1/7

La Nike Metcon 5

1 di 7

La specializzazione è tutto. Sul lavoro come nello sport, la ricerca del dettaglio che migliora la prestazione separa la sponda del successo da quella dell’anonimato. Su questo si sfidano le aziende più blasonate.

In questi giorni Nike ha presentato la nuova famiglia Metcon, scarpa da crossfit declinata in 4 modelli.

La Metcon si caratterizza da sempre per stabilità e resistenza in una grande varietà di movimenti funzionali. Dalla salita sulla corda a uno sprint sui 400 metri, l’interesse dei designer si è allargato ad abilità motorie meno impegnative, come una corsa per le scale o semplici spostamenti laterali. Ecco quindi nascere 4 modelli che ereditano la stabilità della Metcon ma che si rivolgono a differenti tipi di atleti.

Questa quinta edizione presenta un pattern ispirato al rivestimento della corda, pensato per fornire un’ottima presa durante la salita e una scivolata più fluida durante la discesa. Una clip sul tallone riduce la frizione durante i piegamenti in verticale. Il tacco largo della scarpa migliora la stabilità durante gli squat e i vari tipi di sollevamento, snatch, clean e shoulder-to-overhead, mentre un inserto Nike Hyperlift migliora la stabilità durante i sollevamenti pesanti e gli squat veloci, i wall ball, i thruster e le remate.

L’utilizzo di una gomma più aderente nell’avampiede e una gomma più resistente sul tallone migliorano la trazione lineare durante gli sled push e sprint. Entrambe le gomme aumentano la resistenza, e di conseguenza la durata, sui punti deboli.

Il tessuto ad alta tenuta Nike Flyknit nell’avampiede offre alla scarpa la flessibilità necessaria per completare movimenti come i double under e i box jump, mentre il rivestimento rinforzato in pelle sulla punta rende la scarpa più solida per i burpee. L’area degli occhielli in TPU sostiene e tiene ancorata la caviglia durante gli sled push. Grazie alla suola intermedia Nike React, la Metcon Flyknit 3 è più leggera, più morbida e reattiva della Metcon 5, perfetta per sprint ed esercizi ginnici.

Grazie alla suola esterna flessibile Nike Free, la schiuma stabile nella suola intermedia, il sistema che avvolge l’arco del piede e un resistente strappo con velcro sul mesopiede, questa scarpa è sufficientemente solida per i pesi e per i kettlebell, sostiene adeguatamente nei sollevamenti moderati, è flessibile e leggera per le corse brevi, salti e balzi laterali.

Nasce per agevolare esplosività e spostamenti rapidi in tutte le direzioni. Il pattern della suola, più grippante di qualsiasi altra Metcon, facilita balzi in avanti e laterali. L’inserimento di una suola intermedia ne ha alzato i lati, migliorando la stabilità laterale, mentre la tomaia senza lacci presenta uno strappo in velcro che tiene ben ancorato il piede nella sua posizione. Le pelli sintetiche sulla punta e sul tallone garantiscono una maggiore resistenza durante i burpee, le arrampicate in montagna e altri movimenti da “contatto”.

1/5

La Nike Metcon 5 Mat Fraser

La nuova calzatura di Mathew Fraser è progettata sulla base della Metcon 5 e personalizzata con una colorazione e una simbologia studiate ad hoc per il campione di CrossFit.

Lo scuro-brillante della tomaia si rifà alla concentrazione dell’atleta nel workout quotidiano, in contrasto con l’esposizione sotto i riflettori durante le competizioni. La striscia rossa da gara è un richiamo allo sforzo; i tre bersagli collocati a metà tallone e sulla soletta simboleggiano le tre medaglie d’oro consecutive vinte da Fraser ai CrossFit Games (2016-2017-2018).

Sulla soletta il mantra di Fraser: il duro lavoro paga sempre, conosciuto con l’acronimo HWPO - hard work pays off - oltre alla sua firma sulla suola esterna.

La Nike Metcon 5 Mat Fraser PE sarà disponibile il 28 giugno su nike.com e presso negozi selezionati.

Tra le ultime novità Nike vi è anche un brevetto che riguarda l’abbigliamento: AeroAdapt. Si tratta di un materiale fortemente innovativo ideato per favorire il mantenimento della giusta temperatura corporea negli atleti.

Con l’aumento del sudore, i fili realizzati con un materiale reattivo all’umidità aprono il tessuto per far defluire il calore corporeo e far entrare aria. Più il materiale si inumidisce, più si apre. A mano a mano che l’umidità evapora, le aperture createsi si chiudono, intrappolando il calore.

Da asciutto il tessuto appare piatto e i fili sono disposti in righe orizzontali diritte; quando sono bagnati, i fili si contraggono per permettere all’aria di passare e il tessuto appare spiegazzato e sollevato.

I pannelli AeroAdapt verranno impiegati in aree di elevato calore, sudore e raffreddamento (il petto è tra queste). Il materiale debutterà in cinque capi della nuova collezione Nike Pro Collection di Nike Training e in due capi Nike Football.

La nuova Nike Pro Collection di Nike Training

1/8
© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

15 luglio 2019

Il crunch perfetto

Il crunch perfetto

10 luglio 2019

Nuoto: il "trampolino di lancio" della triplice

Nuoto: il

08 luglio 2019

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

05 luglio 2019

La nuova frontiera del fitness

La nuova frontiera del fitness

01 luglio 2019

Workout: 10 trucchi anti-noia

Workout: 10 trucchi anti-noia

30 giugno 2019

Allenamento a tutta birra

Allenamento a tutta birra

27 giugno 2019

Sara Gama: difensore in campo, attaccante nella vita

Sara Gama: difensore in campo, attaccante nella vita

25 giugno 2019

15 step per diventare triatleta: garantisce Daniel Fontana

15 step per diventare triatleta: garantisce Daniel Fontana

24 giugno 2019

Proteine: le 10 verità

Proteine: le 10 verità

23 giugno 2019

SALUTE