di Roberta Lamagni - 11 luglio 2019

Max Berger conquista il Broad Peak e scende in parapendio. Prossima tappa il K2

Il noto alpinista austriaco Max Berger ha completato con successo la prima parte della sua impresa: ha scalato senza ossigeno il Braod Peak (8.047m) per poi ridiscendere con il parapendio. Video e immagini.

1/8

1 di 3

Il primo atto dell’impresa di Max Berger, il noto alpinista austriaco, si è concluso con successo. Il progetto, costato un anno di pianificazione e preparazione fisica e mentale, prevedeva la conquista di due tra le più alte vette del mondo - Broad Peak e K2 - senza ossigeno, per poi ridiscendere con il parapendio.

Con i suoi 8.611 m, il K2 è la seconda vetta più alta del mondo mentre il Broad Peak la dodicesima, con un’altitudine di 8.047 m.

Giovedì 4 luglio Berger ha raggiunto la vetta del Broad Peak, a sole due settimane dalla partenza da casa e senza acclimatamento, grazie all’allenamento ipossico iniziato già ad aprile. Per via di condizioni meteorologiche difficili non è riuscito a volare giù dalla vetta, rinviando l’appuntamento all’indomani quando, dopo una notte tempestosa trascorsa a 7.100m, è riuscito a volare dal campo 3 fino al campo base di Broad Peak. La discesa è durata meno di 30 minuti, contro i 2 giorni di ascesa.

La preparazione di questa impresa ha incluso diversi sport di resistenza: scialpinismo, lunghe vie di montagna, allenamento ipossico e adattamento all'altitudine. Nell'allenamento, Berger ha registrato 150.000 m di altitudine di skitouring, 70 ore di allenamento sull'ergometro con la maschera ipossica e 30.000 m di dislivello in salita con discesa in parapendio. Oltre a ciò, per favorire la pre-ambientazione, ha dormito in una tenda da quota da metà aprile.

Per una spedizione di questa portata, l'equipaggiamento non può essere secondario. Per l’ascesa Berger ha utilizzato l’Olympus Mons Cube di La Sportiva con il Sistema Boa Fit, così come l'Adidas Terrex Two - sempre con il Boa - per fare il lungo hiking per il campo base.

"L'utilizzo di prodotti che integrano il Sistema Boa Fit si colloca su un diverso livello di prestazioni ", afferma Berger. "Oltre a migliorare il fit e le prestazioni, immagina di uscire dalla tenda di notte a -30° e provare a stringere i lacci - l'uso della rotella Boa è molto più pratica e resistente in condizioni di freddo estremo".

Al momento si sta dirigendo sul K2, per la seconda parte della spedizione. Ci vorranno circa 3 ore per passare dal campo base del Broad Peak al campo base del K2.

Max Berger ha iniziato a scalare a quattordici anni e ha trascorso la sua vita in montagna, sia per sfida personale e passione, sia per la sua professione di guida alpina e sciistica certificata e per il suo ruolo da country manager di Petzl in Austria. Alcune delle amicizie che Berger ha costruito negli anni di avventure e alpinismo hanno contribuito a rendere possibile questa ultima spedizione.

Berger ha condiviso numerose esperienza - in Patagonia e Himalaya - con Alois Badegruber di Boa "Ripensando alle spedizioni con Max, ho imparato davvero tanto e ho visto quanto chiaramente fosse forte e concentrato", afferma Badegruber, General Manager - EMEA di Boa. "Siamo orgogliosi di supportare Max in questa avventura e non vediamo l'ora di scoprire cosa riuscirà a fare grazie al suo spirito pionieristico e alla sua passione".

Le calzature sono un equipaggiamento fondamentale per l'alpinismo di alto livello e di alta quota, in quanto possono fornire grandi prestazioni in ascesa ed un isolamento fondamentale. "Per conquistare la cima è necessario concentrarsi, non c'è spazio per gli errori", afferma Berger. "Quando ti prepari sia mentalmente che fisicamente, ti dimentichi di tutto ciò che ti circonda, anche dell'ora. Avere l'attrezzatura giusta è importante tanto quanto la preparazione fisica, e Boa massimizza la mia performance e consente di concentrarmi al massimo".

I prodotti equipaggiati Boa durante il training

Fischer Travers e gli scarponi Scarpa F1 da skitouring, adidas Terrex Two Boa e Terrex Agravic Boa da trail running, lo scarpone di La Sportiva G5.

I prodotti equipaggiati Boa durante la spedizione

La Sportiva Olympus Mons Cube, La Sportiva G2 SM - scarponi da alpinismo leggeri e caldi con il Sistema Boa Fit. Il G2 SM è stato utilizzato sul Broad Peak per la ripida con neve e ghiaccio, mentre il Mons Cube verrà utilizzato sul K2 per la roccia e il ghiaccio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

15 luglio 2019

Il crunch perfetto

Il crunch perfetto

10 luglio 2019

Nuoto: il "trampolino di lancio" della triplice

Nuoto: il

08 luglio 2019

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

05 luglio 2019

La nuova frontiera del fitness

La nuova frontiera del fitness

01 luglio 2019

Workout: 10 trucchi anti-noia

Workout: 10 trucchi anti-noia

30 giugno 2019

Allenamento a tutta birra

Allenamento a tutta birra

27 giugno 2019

Sara Gama: difensore in campo, attaccante nella vita

Sara Gama: difensore in campo, attaccante nella vita

25 giugno 2019

15 step per diventare triatleta: garantisce Daniel Fontana

15 step per diventare triatleta: garantisce Daniel Fontana

24 giugno 2019

Proteine: le 10 verità

Proteine: le 10 verità

23 giugno 2019

SALUTE