a cura della Redazione - 22 maggio 2019

Lavoro: difenditi dagli stress "extra"

Purtroppo non ci sono solo il capo e le scadenze a mettere a dura prova i nervi. C'è sempre il modo di difenderti: scopri da cosa e come.

1 di 3
Anche dopo che il motore si è raffreddato, tu non hai ancora sbollito la rabbia. Scienziati canadesi hanno scoperto che gli uomini che si irritano maggiormente durante il tragitto quotidiano di andata e ritorno in auto, è anche più probabile che abbiano atteggiamenti ostili e si sentano stressati nel corso della giornata.

Come difenderti
“Le persone che godono di maggiore flessibilità riguardo gli orari di lavoro, sono meno stressate quando guidano, perché l’emergenza tempo non è un fattore così importante per loro”, afferma il dottor Dwight Hennessy, responsabile dello studio canadese. In assenza di tale flessibilità, puoi però sempre prendere in considerazione il fatto di alzarti una mezz'ora prima per rendere il tragitto magari ugualmente trafficato, ma senza l'ansia di arrivare in ritardo al lavoro. Ed evitando così di imbufalirti ogni mattina per quel cretino che cerca di intrufolarsi alla rotonda e per quell'altro che fa il furbo all'ingresso in tangenziale...
Sai cosa succede non appena ti siedi davanti al pc? “Il ritmo del tuo respiro aumenta del 30%, mentre il battito delle ciglia si riduce e tu sei portato a contrarre braccia e spalle senza alcun motivo”, spiega il dottor Erik Peper, direttore dell’Institute for Holistic Healing alla San Francisco State University (Usa).

Come difenderti
Ogni mezz’ora cambia posizione da seduto o, ancora meglio, alzati e fai quattro passi per migliorare la circolazione del sangue e favorire la distensione muscolare. Fai anche delle brevi pause da seduto, chiudendo gli occhi e sciogliendo i polsi con qualche semplice esercizio: per esempio agitando le mani come per farti aria, oppure ruotando i polsi dopo aver incrociato le dita della mano destra con quelle della mano sinistra a palmi uniti.
, hai letto bene: secondo uno studio finlandese, coloro che mantengono il posto dopo una riduzione d’organico aziendale, hanno il doppio di probabilità di morire di qualche cardiopatia per via dello stress causato dal surplus di lavoro.

Come difenderti
Pensando che i finlandesi certe volte esagerano... e non avendo timore di parlare con il capo per definire i tuoi nuovi compiti dopo la ristrutturazione aziendale. “Il solo fatto di essere informato produce un notevole effetto calmante e aiuta a organizzare meglio i propri impegni”, afferma Harry Dahlstrom, autore negli Usa di diversi manuali > http://www.dahlstromco.com/ > per cavarsela nel mondo del lavoro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
SALUTE