a cura della Redazione - 18 febbraio 2019

Sei giovane e già dormi poco? Allora migliora la qualità

Da giovane dormi già poco. Se poi lo fai pure male, rischi la salute: eccoti 4 dritte per aumentare la qualità del riposo

1 di 5
Secondo la National Sleep Foundation americana, tra i 20 e i 30 anni dormi in media 6 ore e 54 minuti a notte. Ovvero 2 ore e 6 minuti meno delle 9 ore che secondo gli esperti servono al tuo corpo per ricaricare davvero le pile e mantenersi in salute. "Dalla pubertà ai 25 anni abbiamo bisogno di più sonno che in qualsiasi altro momento della vita, tranne quando siamo neonati", conferma James Maas, ricercatore del sonno alla Cornell University di Ithaca (Usa). Visto che alla tua età non vuoi certo rinunciare a divertirti la sera, eccoti allora 4 trucchi da mettere in pratica per aumentare - se non la quantità - almeno la qualità del tuo riposo.
Se esci il lunedì, il mercoledì e il venerdì, vai a letto presto il martedì e il giovedì. "Anche se non è assolutamente una soluzione ottimale, almeno ti aiuterà a saldare il tuo debito di sonno prima che diventi così alto da mandare in tilt prima il tuo organismo e poi le tue relazioni sociali", commenta Michael Vitiello, professore di Scienze comportamentali all’Università di Washington (usa).
Nelle sere in cui esci, ordina il tuo ultimo drink 3 ore prima di andartene a casa. Secondo il professor Vitiello, in questo modo il tuo organismo dovrebbe avere il tempo per elaborare l’alcol prima che ti schianti a letto. Se infatti non hai alcol nel sangue, dormi più profondamente. Oppure, se il danno è fatto, come ultimo drink prendi un succo d’arancia: il fruttosio in esso contenuto può accelerare anche del 25% il metabolismo dell’alcol.
Evita di svegliarti a mezzogiorno del sabato o il pomeriggio della domenica... Costringiti invece a svegliarti al solito orario e il tuo orologio interno ti ringrazierà con un sonno più profondo e lungo la notte dopo. Sveglio ma intontito? Concediti una breve pennichella dopo pranzo: alcuni ricercatori giapponesi hanno visto che soggetti privati del sonno che avevano fatto un pisolino di 15 minuti subito dopo pranzo, risultavano poi più svegli e attivi di un gruppo di controllo dagli occhi cisposi.
I ricercatori del MIT (Massachusetts Institute of Technology, Usa) hanno scoperto che assumere 0,3 mg di un integratore a base di melatonina può aiutarti ad addormentarti più in fretta. Se non riesci a prendere subito sonno, puoi allora provare ad assumere la dose consigliata mezz’ora prima di metterti a letto.


LEGGI ANCHE:

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA
SALUTE