01 febbraio 2019

Mai più senza capelli con Elithairtransplant

Se la tua più grande ossessione è la caduta dei capelli, Elithairtransplant ha la soluzione giusta per te. Con il metodo FUE un veloce trapianto per togliersi ogni paura dalla testa. Come ha fatto anche il grande campione Ricardo Quaresma.
1/7 La clinica del LIV Hospital di Instanbul

1 di 3
C'è chi ha fatto nella testa rasata una scelta di vita. Soprattutto a partire dai trent'anni in su, per nascondere la perdita dei capelli, sempre più uomini decidono di tuffarsi nell'iconografia del macho rasato, che non ha paura di nulla e di nessuno. E che spopola molto anche tra il pubblico femminile.
Per chi invece è abituato a non arrendersi mai, l'unica scelta alternativa per non rinunciare ad una folta chioma è fare ricorso alla ricerca scientifica e affidarsi alle nuove tecniche di trapianto dei capelli.

Uno dei metodi più innovativi e all'avanguardia è il metodo FUE, sviluppato da Elithairtransplant, azienda tedesca con sede a Berlino, che vanta un team affiatato e multilingue che organizza trapianti di capelli in Turchia e assiste il cliente durante tutta la procedura pre e post operatoria. La clinica si trova nel LIV Hospital di Istanbul, dove opera il Dottor Balwi, medico specializzato da oltre 7 anni nel campo della chirurgia estetica, che ha eseguito Oltre 20000 interventi con il metodo FUE.
Il metodo FUE consiste nell’estrarre i bulbi da una zona donatrice, solitamente la nuca, per poi reinnestarli nella parte del capo in cui i capelli non sono presenti o molto diradati, senza ovviamente lasciare dei vuoti o delle cicatrici.

Oltre all'innovativa tecnica FUE, la clinica Elithairtransplant fa uso di tecniche all’avanguardia nel campo del trapianto di capelli, come la DHI e la punta di zaffiro, che garantisce una grande precisione.

Durante l'operazione, inoltre, il Dottor Balwi usa un particolare tipo di anestesia che incredibilmente non necessita di aghi. Con la tecnica comfort-in, si usa un particolare tipo di siringa, simile a una piccola pistola ad aria compressa, che vaporizza l'anestetico attraverso l'epidermide senza causare accumulo di anestetico locale e senza dolore per il paziente.
Tra gli ultimi pazienti del Dottor Balwi c’é stato anche il grande Ricardo Quaresma, campione d´Europa con il Portogallo, famoso in Italia per la trivela ed essere stato uno degli acquisti dell’Inter del triplete.

Quaresma si é rivolto a Elithairtransplant per un trattamento di capelli. Dopo un'indagine approfondita, il Dottor Balwi ha riconosciuto in Ricardo una densitá capillare abbastanza elevata e quindi la non necessità del trapianto. Ecco perché la scelta più sensata è diventata la tricopigmentazione, grazie alla quale i capelli risultano molto piú folti tramite una tecnica simile a quella del trucco permanente. Non solo il portoghese ha accolto bene il risultato, ma anche lo staff del Dottor Balwi é stato molto entusiasta del risultato.

"Amo il mio lavoro - ha dichiarato a posteriori lo stesso dottore - e ho già aiutato migliaia di persone a risolvere il problema della caduta dei capelli. Ho un grande obiettivo: alla fine della mia carriera vorrei dire di aver aiutato un milione di pazienti a essere di nuovo felici". Come con Ricardo Quaresma.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

I tuoi 5 muscoli segreti

I tuoi 5 muscoli segreti

16 agosto 2019

Treadmill, i super trucchi

Treadmill, i super trucchi

14 agosto 2019

Come scegliere la bici giusta

Come scegliere la bici giusta

12 agosto 2019

Nicolas vuole andare... oltre il limite!

Nicolas vuole andare... oltre il limite!

09 agosto 2019

Creatina: le risposte ai vostri dubbi

Creatina: le risposte ai vostri dubbi

09 agosto 2019

L’allenamento che ti fa mangiare di meno

L’allenamento che ti fa mangiare di meno

08 agosto 2019

Preparati per un triathlon olimpico

Preparati per un triathlon olimpico

05 agosto 2019

Due workout al tempo di uno

Due workout al tempo di uno

04 agosto 2019

Trasforma la forza in esplosività

Trasforma la forza in esplosività

02 agosto 2019

Sollevamento pesi: no all’improvvisazione!

Sollevamento pesi: no all’improvvisazione!

01 agosto 2019

SALUTE