I danni silenziosi del lockdown

Uno studio di ricercatori italiani, pubblicato sulla rivista European Journal of Clinical Nutrition, ha messo in luce i danni sotto traccia lasciati dal lungo periodo di lockdown

C’era da aspettarselo. Nonostante i buoni propositi di allenamento “homemade” durante i giorni della quarantena, non tutti ne hanno beneficiato, sia per motivi logistici (casa piccola, non reperibilità di attrezzature fitness, assenza di giardino o di box ampi) sia per motivi strettamente fisiologici(persone anziane per esempio) e in più generalmente a tutto questo si è associato un regime dietetico non sano.

Il dato preoccupante è quello evidenziato da un articolo italiano sul cosiddetto "Effetto Pandemia", pubblicato sulla rivista European Journal of Clinical Nutrition (Gruppo Nature) e condotto da ricercatori dell'Università di Modena e Reggio Emilia.

In sintesi: la principale conseguenza della quarantena è stata un drastico cambiamento nello stile di vita e nelle abitudini alimentari, che sono cambiate a causa della ridotta disponibilità di prodotti, dell'accesso limitato al cibo causato dagli orari di apertura dei negozi e dal passaggio ad alimenti diversi rispetto alla consuetudine (leggasi confezionati), oltre a un impatto psicologico negativo tra cui sintomi di stress post-traumatico, confusione e rabbia.

Avere scorte di base inadeguate (ad esempio di cibo, acqua) durante la quarantena è stata fonte di frustrazione e ha comportato ansia. Questo ha portato, secondo lo studio, ad un aumento di peso e a una riduzione dell'assunzione di antiossidanti. Lo stress ossidativo e l'infiammazione vascolare cronica lieve fanno parte della fisiopatologia dell'ipertensione.

Infine, non ultimo per importanza, la riduzione dell'attività fisica che contribuisce, oltre all'aumento di peso, all'aumento dello stato infiammatorio nell’organismo. Il famoso allenamento in casa è stato, come abbiamo sottolineato, ad appannaggio di pochi e sempre secondo gli autori dell’articolo "migliaia di video di allenamento in casa su Internet senza la supervisione di un esperto hanno contribuito poco al miglioramento dello stato psicofisico delle persone”.

In conclusione: dieta Mediterranea regolare unita a un sano esercizio fisico outdoor o indoor, ma sotto sorveglianza di esperti, sono sempre e comunque il “toccasana” per una buona salute. Purtroppo, la quarantena ha provocato dei danni, più o meno silenziosi, che ci debbono far riflettere attentamente proprio sullo stile di vita che molte volte, in contesti normali, trascuriamo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Six pack: tutte le regole e gli errori da evitare

Six pack: tutte le regole e gli errori da evitare

05 July 2020

Workout: 10 trucchi anti-noia

Workout: 10 trucchi anti-noia

30 June 2020

6 ragioni per cui non perdi peso

6 ragioni per cui non perdi peso

28 June 2020

Tutti i segreti della creatina

Tutti i segreti della creatina

25 June 2020

Cosa mangiare e quando per migliorare la resistenza

Cosa mangiare e quando per migliorare la resistenza

24 June 2020

Il workout più efficace: sfatiamo i falsi miti

Il workout più efficace: sfatiamo i falsi miti

16 June 2020

Cinque regole d'oro per esaltare il tuo six-pack

Cinque regole d'oro per esaltare il tuo six-pack

12 June 2020

12 minuti ad alta intensità, per un workout completo

12 minuti ad alta intensità, per un workout completo

10 June 2020

Proteine: le 10 verità

Proteine: le 10 verità

09 June 2020

10 dritte per aumentare la massa senza ingrassare

10 dritte per aumentare la massa senza ingrassare

07 June 2020

SALUTE