a cura della Redazione - 17 febbraio 2020

La salute in una goccia di sangue

I progressi scientifici stanno reinventando un esame semplice come quello del sangue, iniettando nuova vita nella nostra capacità di identificare disturbi e malattie.

Photo by Hush Naidoo on Unsplash

1 di 4

Fino a non molto tempo c’era un limite a quello che gli scienziati potevano capire da una goccia di sangue: il livello di vitamine ed elettroliti, la quantità di globuli rossi e bianchi, lo stato dei reni… I marcatori delle diverse malattie erano semplicemente troppo piccoli o complessi per essere identificati da un esame del sangue. Oggi, però, con i progressi nella tecnologia si può analizzare il sangue in maniera più veloce, efficace e meno costosa di prima.

La speranza è che le biopsie dolorose per identificare e poi trattare il cancro possano in futuro essere sostituite da un esame del sangue. Le premesse ci sono: gli esami del sangue specialistici per identificare i problemi cardiaci e persino la depressione hanno dato risultati promettenti. “Cinque anni fa tutto questo sembrava fantascienza”, dice John Kiesel, un gastroenterologo che sta sviluppando un esame del sangue per identificare il cancro al fegato. “Usiamo il sangue come una finestra per capire quello che succede nelle parti del corpo che non possiamo raggiungere direttamente con i nostri strumenti”, spiega. Vediamo insieme che cosa si vede da questa finestra.

La promessa

Gli scienziati hanno scoperto che il cancro lascia tracce del suo DNA nel sangue. Un testo chiamato CancerSEEK è in grado di identificare questo DNA, oltre che i marcatori proteici del cancro. Finora il test si è dimostrato accurato per il 70% nell’identificare sette tipi di cancro tra i più comuni, di cui cinque non hanno nessuno screening per gli individui che corrono un rischio medio (cancro alle ovaie, al fegato, allo stomaco, al pancreas e all’esofago). I ricercatori sperano che questo esame sia disponibile al pubblico entro cinque anni.

La situazione attuale

Con un esame del sangue oggi è possibile individuare il cancro all’intestino ma questa tecnologia non permette ancora di identificare con certezza i polipi in stadio pre-cancerogeno. Secondo i medici questo esame è adatto alla persone che preferiscono non sottoporsi ai più dolorosi test all’intestino per identificare il cancro (come la colonscopia). L’esame del sangue per individuare il cancro ai polmoni è in grado di identificare chiaramente il DNA del tumore nel sangue e capire come il paziente reagisce al trattamento. Secondo molti ricercatori questa “biopsia liquida” è più veloce ed accurata di altri esami.

Per conoscere lo stato dell'arte della scienza sulle malattie legate al cuore e altro, inserisci le tue credenziali

© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Squat a corpo libero: i consigli di Alice Mastriani per una corretta esecuzione

Squat a corpo libero: i consigli di Alice Mastriani per una corretta esecuzione

25 marzo 2020

Weight training e wall mountain climber: 30 minuti a tutta intensità

Weight training e wall mountain climber: 30 minuti a tutta intensità

25 marzo 2020

Stretching salva-schiena

Stretching salva-schiena

24 marzo 2020

Tre esercizi per un six-pack super veloce

Tre esercizi per un six-pack super veloce

23 marzo 2020

30 minuti di workout full body ad alta intensità: il video di Giorgio Merlino

30 minuti di workout full body ad alta intensità: il video di Giorgio Merlino

21 marzo 2020

Le proteine motore del workout. Quando e cosa mangiare per rendere al meglio

Le proteine motore del workout. Quando e cosa mangiare per rendere al meglio

20 marzo 2020

Come aumentare il testosterone

Come aumentare il testosterone

19 marzo 2020

Corsi di fitness virtuale, gratis e senza vincoli, con l'app Cyberobics

Corsi di fitness virtuale, gratis e senza vincoli, con l'app Cyberobics

16 marzo 2020

Stiamo a casa ma teniamoci in forma. Con questo circuito HIIT

Stiamo a casa ma teniamoci in forma. Con questo circuito HIIT

13 marzo 2020

Fabio comincia l'allenamento con il coach

Fabio comincia l'allenamento con il coach

11 marzo 2020

SALUTE