Fai fare retromarcia al diabete

Oltre a fare attività fisica e mangiare più verdure, ci sono altri modi per combattere questo nemico della tua salute. Scopri i trucchi più efficaci.

Foto Getty Images

Le cellule hanno bisogno di mangiare. Non importa che cosa fai: che tu stia correndo, scrivendo o guardando la TV i piccoli mattoncini che costituiscono ogni singola parte del tuo corpo devono nutrirsi per sopravvivere. Quando le cose funzionano come dovrebbero, l’ormone insulina distribuisce il cibo alle cellule, come una specie di Deliveroo.

Ma quando hai il diabete di tipo 2 (la forma di diabete più comune) l’insulina non funziona a dovere. O non ritira e distribuisce il cibo o non ce n’è abbastanza per distribuirlo a tutti (con il diabete di tipo 1, chiamato anche diabete giovanile, il corpo non produce insulina). Il cibo non ritirato e consegnato, ossia il glucosio, rimane nel sangue e provoca problemi agli occhi, ai reni, al cuore, alla circolazione e anche alla vita sessuale.

Se tieni sotto controllo lo zucchero nel sangue non appena ti viene diagnosticato il diabete, questa malattia può essere reversibile.

Piccole modifiche al tuo stile di vita come camminare per 30 minuti al giorno e limitare l’assunzione di carboidrati semplici sono il modo ideale per cominciare. Ma se queste buone abitudini non funzionano devi passare alle maniere forti.

Ecco le strategie che ti permetteranno di tenere a bada e far retrocedere il diabete.

1 di 4

900 calorie al giorno non sono molte ma uno studio del 2018 pubblicato su The Lancet ha scoperto che quando le persone che soffrono di diabete di tipo 2 assumono meno di 900 calorie nel 46% dei casi il diabete scompare. Le diete ipocaloriche come questa possono rallentare il ritmo con cui il fegato produce il glucosio e migliorare la sensibilità di quest’organo all’insulina, lo dice una ricerca di Yale.

Gli svantaggi

Con le diete poverissime di calorie c’è il rischio di incorrere in carenze nutrizionali e questo a sua volta modifica il modo in cui il corpo gestisce i fluidi, quindi la pressione sanguigna, gli elettroliti e lo zucchero nel sangue possono prendere direzioni pericolose. Queste diete possono essere molto efficaci ma non vanno mai intraprese senza aver prima interpellato il medico e senza essere seguiti da uno specialista.

La chirurgia bariatrica è collegata a un miglioramento del diabete o a una sua remissione in una percentuale variabile fino all’80% delle persone che si sottopongono a questa operazione.

Pochi giorni dopo la chirurgia i pazienti spesso possono ridurre o addirittura interrompere l’uso dei farmaci per diabetici (inclusa l’insulina) mentre per una sostanziale riduzione di peso bisogna aspettare circa un anno dall’operazione. Gli esperti stanno ancora cercando di capire come funziona esattamente ma il bypass gastrico è il metodo più efficace nell’ambito della chirurgia bariatrica.

Gli svantaggi

Si tratta pur sempre di un’operazione. Il bypass gastrico riduce lo stomaco dalle dimensioni di una palla da calcio a quelle di una pallina da tennis, che può contenere circa 50 grammi di cibo alla volta. Inoltre non è possibile assorbire completamente le sostanze nutritive del cibo e quindi si dovranno prendere supplementi a vita. Ma per chi soffre di diabete, ha un indice di massa corporea di 35 o superiore e non riesce a gestire il suo peso né a diminuire in altro modo lo zucchero nel sangue con i farmaci e l’aiuto di specialisti i benefici potenziali di questo intervento sono superiori ai rischi.

Mangiare meno carboidrati semplici per ridurre gli zuccheri nel sangue è uno dei capisaldi della dieta per i diabetici. Ma secondo uno studio del 2017 dell’università del Michigan chi segue una dieta chetogenica, ovvero molto povera di carboidrati (da 25 a 50 grammi giornalieri, l’equivalente di una mela) tiene meglio sotto controllo gli zuccheri nel sangue, il peso corporeo e utilizza meno farmaci di chi segue una dieta povera di grassi ma con un’assunzione media di carboidrati.

Gli svantaggi

Prima di iniziare una dieta del genere è necessario parlarne con il medico. Chiunque soffre di diabete e segue una dieta chetogenica è a rischio di chetoacidosi, uno stato in cui il ph del corpo si abbassa a un livello fatale. Bisogna quindi parlarne bene con il medico ed essere seguiti attentamente durante tutta la dieta.

Circa un adulto su tre ha il pre-diabete, ovvero un’elevata dose di zucchero nel sangue. Per non trasformare il pre-diabete in diabete i passi sono semplici: mangia meglio, fai più movimento, dormi abbastanza, tieni a bada lo stress. Oltre a questi classici consigli ecco alcune strategie molto efficaci:

  • Se segui una dieta composta al 40% di carboidrati, al 30% da proteine e al 30% da grassi ti liberi del pre-diabete in sei mesi, lo dice uno studio della University of Tennessee.
  • Con questo programma riduci del 58% il rischio che il pre-diabete si trasformi in diabete. Ecco come funziona: perdi almeno il 5% del tuo peso facendo almeno 150 minuti di esercizio moderato alla settimana, impara a gestire lo stress e tieni a bada gli zuccheri.

I video di Men's Health

Guarda tutti i video di Men's Health >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Come restare competitivi anche dopo gli "anta"

Come fanno gli atleti a non perdere smalto dopo i 40 anni? Ecco le strategie che puoi usare anche tu.

Come restare competitivi anche dopo gli

21 September 2021

4 test per ricominciare dal Crossfit

La crescente popolarità degli eventi di social fitness ci sta facendo diventare tutti atleti professionisti. Nel Regno Unito i National Fitness Games hanno sviluppato un algoritmo per classificare l’abilità fisica di ogni persona. Vuoi scoprire a che punto sei? Ecco quattro test che puoi fare anche tu.

4 test per ricominciare dal Crossfit

16 September 2021

Crunch o plank: quale più efficace per definire in fretta gli addominali?

È arrivata l’estate: non hai più tempo da perdere se vuoi mostrare gli addominali in spiaggia. Quale esercizio ti permette di ottenere più risultati e più in fretta: il crunch o il plank?

Crunch o plank: quale più efficace per definire in fretta gli addominali?

13 September 2021

Quanto aiutano il fisico i press up?

Workout versatile quanto popolare, scolpisce il petto come un coltellino svizzero.

Quanto aiutano il fisico i press up?

08 September 2021

4 trucchi per correre con continuità

Scopri come aumentare forza e stabilità dei tuoi arti inferiori, e correre a lungo senza provare dolore o subire infortuni.
4 trucchi per correre con continuità

02 September 2021

Un circuito fullbody per scolpire i tricipiti

Per allenare i tricipiti non c’è bisogno di fare esercizi isolati. Esegui queste mosse full body per sollecitare i muscoli delle braccia e non solo.

Un circuito fullbody per scolpire i tricipiti

31 August 2021

Six pack: tutte le regole e gli errori da evitare

Le regole infallibili (e i miti da sfatare) per bruciare il grasso addominale, ottenere una pancia piatta e abs ben definiti.
Six pack: tutte le regole e gli errori da evitare

29 August 2021

Aggiungi forza funzionale

Un workout diviso in due parti, usando meno attrezzi possibili, per allenare il corpo e la mente allo stesso tempo. Con alcune dritte in base al tuo livello di preparazione.

Aggiungi forza funzionale

25 August 2021

Cosa succede se prendo la creatina

Non confondere questo composto per un farmaco che ti aiuta a pompare i muscoli. Fa molto di più: dà energia extra a mente e corpo.

Cosa succede se prendo la creatina

19 August 2021

Pull up: la presa che fa la differenza

Esistono diversi tipi di presa per il pull up e a seconda della posizione della mani il risultato sui tuoi muscoli cambia. Scopri come.

Pull up: la presa che fa la differenza

17 August 2021

SALUTE