di Rosario Palazzolo - 02 aprile 2019

Ciclisti, quando indossate il caschetto vi sentite delle m...?

Il ministero tedesco dei Trasporti è stato criticato per aver ideato una campagna di sensibilizzazione all'uso dei caschi da bicicletta, usando modelli e modelle seminudi. Lo slogan, poi, è tutto un programma...
1/8

1 di 3
"Sembra una merda ma mi salva la vita". A giudicare dallo slogan e dalle immagini che ritraggono modelli e modelle seminudi a letto, sembra più la pubblicità di un nuovo preservativo. in verità, il ministero tedesco dei Trasporti ha ideato questa bizzarra campagna pubblicitaria per incoraggiare i ciclisti a indossare il casco, a partire dai giovani.
I manifesti, come si vede nelle foto, sono composti da immagini di copie in lingerie che hanno catenato accuse di sessismo e di volgarità, al punto da mettere a rischio la tenuta del governo, tedesco visto che i primi malumori si sono registrati proprio tra le donne del governo della premier Angela Merkel.
I socialdemocratici tedeschi, che fanno parte della coalizione di governo, hanno chiesto che la campagna di 400.000 euro venga ritirata.
ma in realtà questo genere di "pubblicità progresso" piuttosto d'impulso pare aver ottenuto un primo risultato: quello di far discutere di sè.
Maria Noichl, presidente del comitato femminile del Partito socialdemocratico tedesco (SDP), l'ha definita "imbarazzante, stupida e sessista” aggiungendo “il ministro dei trasporti commercializza la sua politica con corpi nudi".

Franziska Giffey, ministro federale tedesco per gli Affari Familiari, le Donne e i Giovani, ha pubblicato su facebook una sua fotografia in bicicletta, osservando: "Puoi indossare un casco anche quando sei vestito!".

E c'è pure chi ha approfittato del dibattito tedesco per proporsi in modo positivo. Abus, marchio tedesco di accessori per bici, tra i quali i caschi, ha dato avvio a campagne parallele con slogan come "Appare fantastico. E salva la mia vita”.
Al di là delle polemiche, l'uso del casco in germania, dove le biciclette sono utilizzatissime per gli spostamenti quotidiani, è davvero un problema. Le statistiche dell'Istituto di ricerca della mobilità tedesca mostrano che su 17.278 ciclisti analizzati nel 2018, solo l'8% dei giovani ciclisti di età compresa tra 17 e 30 anni indossava un casco.
Un dibattito che sicuramente sarebbe utile in Italia, dove i ciclisti che usano il caschetto sono pochissimi e dove il governo vorrebbe introdurre un obbligo di legge che non rappresenta un passo in avanti sul fronte sicurezza, ma solamente un modo per disincentivare l'uso delle due ruote, quando ci sarebbe bisogno di incrementarle.

Un dibattito che sicuramente sarebbe utile in Italia, dove i ciclisti che usano il caschetto sono pochissimi e dove il governo vorrebbe introdurre un obbligo di legge che non rappresenta un passo in avanti sul fronte sicurezza, ma solamente un modo per disincentivare l'uso delle due ruote, quando ci sarebbe bisogno di incrementarle.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

15 luglio 2019

Il crunch perfetto

Il crunch perfetto

10 luglio 2019

Nuoto: il "trampolino di lancio" della triplice

Nuoto: il

08 luglio 2019

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

05 luglio 2019

La nuova frontiera del fitness

La nuova frontiera del fitness

01 luglio 2019

Workout: 10 trucchi anti-noia

Workout: 10 trucchi anti-noia

30 giugno 2019

Allenamento a tutta birra

Allenamento a tutta birra

27 giugno 2019

Sara Gama: difensore in campo, attaccante nella vita

Sara Gama: difensore in campo, attaccante nella vita

25 giugno 2019

15 step per diventare triatleta: garantisce Daniel Fontana

15 step per diventare triatleta: garantisce Daniel Fontana

24 giugno 2019

Proteine: le 10 verità

Proteine: le 10 verità

23 giugno 2019

SALUTE