a cura della Redazione - 10 dicembre 2018

I cibi contro il freddo

Gli alimenti da inserire nella tua dieta nei giorni più duri dell'inverno per dare al tuo organismo l'energia necessaria a difendersi dai virus.

1 di 11
L'inverno può mettere a dura prova la tua salute: raffreddore, tosse, influenza e mal di testa sono in agguato, ma con questo programma alimentare ti proteggi dai rigori della stagione fredda e ti assicuri un inverno senza intoppi.
Secondo alcune ricerche le bevande contenenti probiotici, cioè i batteri sani, possono accorciare di quasi un quarto il raffreddore, oltre a ridurre mal di testa, tosse e starnuti. Questi batteri, infatti, stimolano il sistema immunitario e in particolare rafforzano i linfociti T. Bisogna però assumerli regolarmente e a lungo termine per aumentare le difese dell’organismo quando arriva il raffreddore.
Sono una delle migliori fonti di zinco, una sostanza antivirale, antiossidante e che stimola il sistema immunitario in generale. Da alcuni studi sembra che lo zinco possa anche impedire ai virus del raffreddore di attaccarsi al rivestimento dell’apparato respiratorio. Se non ti piacciono i semi, anche carne e frutti di mare sono buone fonti di zinco.
Quando hai il raffreddore il tuo medico ti dice di bere molti liquidi: serve per mantenere umide le membrane mucose che devono intrappolare ed eliminare i virus. L’acqua è l’idratante migliore, ma bevendo il succo d’arancia assumerai anche una sana dose di vitamina C antiraffreddore. E il sapore è molto più interessante.
NB: non pensare nemmeno lontanamente ad aumentare l’apporto di liquidi con degli alcolici: riducono la capacità del sistema immunitario di distruggere le cellule infettate dai virus.
Alcuni scienziati britannici hanno scoperto che la teobromina del cioccolato è efficace contro la tosse tanto quanto un famoso medicinale anti-tosse, se non di più. È anche un fantastico antiossidante ed è ricca di polifenoli che stimolano il sistema immunitario. Però questo non vale per qualsiasi cioccolato: deve essere il più fondente che trovi, con la percentuale più alta possibile di solidi del cacao.
Sono ricche di beta-carotene, una sostanza fitochimica antiossidante che rinforza il sistema immunitario. Inoltre, il tuo organismo converte il beta-carotene in vitamina A, essenziale per la salute delle membrane mucose di naso, gola e polmoni, la nostra barriera contro i virus del raffreddore. Trovi il beta-carotene anche in altra frutta e verdura arancione e gialla, come peperoni rossi e arancioni, patate dolci e (se ne trovi) meloni.
È stato dimostrato scientificamente che chi mangia aglio ha raffreddori meno frequenti e più brevi di chi non lo mangia. Però devi mangiarne circa uno spicchio al giorno come prevenzione, perché quando il raffreddore ti ha colpito l'aglio non ti può aiutare. Versa un cucchiaino di aglio appena schiacciato sull’insalata, o aggiungilo al sugo della pasta appena prima di servire (la cottura riduce le proprietà benefiche dell'allicina). L’aglio contiene anche selenio, un minerale che aumenta le difese immunitarie.
Alcuni studi hanno dimostrato che il miele di Manuka ha un effetto antibatterico, se applicato sulle ferite, e alcune prove indicano che può aiutare contro il mal di gola grazie anche ai suoi effetti antinfiammatori. Di per sé il miele è comunque calmante: usalo per farti degli infusi caldi e senza alcool con limone e zenzero.
Vuoi liberare il naso intasato e calmare la tosse? Mangia cibi piccanti! La capsaicina, quella sostanza contenuta nei peperoncini che ti fa bruciare la bocca, è simile a una sostanza che si trova in molti farmaci anti-tosse ed espettoranti da banco. E se vuoi variare, anche la senape piccante, il rafano e lo zenzero possono aiutare contro la congestione nasale.
La vitamina C non può evitarti di prendere il raffreddore, ma può aiutarti a soffrire di meno e a guarire più in fretta. E i kiwi ne sono ricchissimi: un solo frutto contiene fino 75 mg di vitamina C. Quindi per tornare in salute in frettissima aumentane l'apporto al primo segno di naso che cola. Non ti va di mangiare cose verdi e pelose? Trovi la vitamina C anche in fragole, ribes neri e ovviamente agrumi.
I mirtilli contengono più antiossidanti di qualsiasi altro frutto fresco, e per questo aiutano il sistema immunitario a combattere le malattie. I loro benefici effetti derivano soprattutto dalle antocianine, i pigmenti che li rendono blu. Non li trovi in vendita? Prova con altri frutti blu come le prugne secche, ricchissime anch'esse di antiossidanti, più di quelle fresche.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
SALUTE