a cura della Redazione - 12 novembre 2018

Quando scatta la fame alcolica?

Perché dopo una serata di bagordi, ti svegli e sbraneresti un bue? Ti spieghiamo cosa succede al tuo stomaco se bevi moderatamente, ti diverti o esageri.

1 di 3

“Tutta colpa dell’eccesso di zuccheri nel sangue” spiega il dottor Thomas Stuttaford, autore di To Your Health. Ecco quali sono le diversi fase che potresti attraversare nel corso di una serata ad alto tasso alcolico:

Dopo 1 o 2 bicchieri

Un paio di drink sono sufficienti per stimolare la produzione di succhi gastrici. Il tuo stomaco, ingannato dall’inizio dell’attività digestiva, si convince che di lì a poco arriverà del cibo. Se ciò non accade, si attiverà per ricordartelo e scatenerà i crampi della fame.

L’appetito si placa perché gli zuccheri contenuti nei drink che hai bevuto riportano in alto la glicemia (cioè la concentrazione di glucosio nel sangue) e il tuo corpo ti segnala che non è più alla disperata ricerca di cibo. Per un po’ di tempo, le calorie derivate dall’alcool ti daranno l’energia di cui hai bisogno, anche se di fatto non hai mangiato nulla.

La dose eccessiva di zuccheri che hai introdotto con l’alcol spinge il tuo pancreas a produrre insulina, l’ormone che ha lo scopo di abbattere la glicemia. A questo punto torna l’appetito ma, a differenza di prima, non è un semplice languorino… è una fame da lupi! Quando vai in calo ipoglicemico, la fame può darti alla testa: se non riesci a mettere subito qualcosa sotto i denti, puoi diventare irritabile, addirittura furioso. A quel punto sei disposto a mangiare qualsiasi cosa e tutto ti apparirebbe delizioso. Ecco perché il panino con la porchetta dei chioschi si vende alla grande alle tre di notte!

© RIPRODUZIONE RISERVATA
SALUTE