a cura della Redazione - 22 maggio 2019

Sport e asma

L'attività fisica può contenere la malattia e ridurre gli attacchi. Ma a patto di prendere alcune precauzioni...

1 di 3
Per chi soffre d'asma una regolare attività fisica può rivelarsi un magnifico alleato per tenere sotto controllo la malattia: lo sport è infatti in grado di ridurre lo sforzo della respirazione, oltre che alleviare lo stress e migliorare complessivamente le difese immunitarie. “Tutto ciò riduce il rischio e la gravità degli attacchi”, afferma il dottor Gailen D. Marshall, direttore della Divisione di Allergologia e Immunologia clinica della University of Texas-Houston Medical School (Usa). Ma per non trasformare un potenziale vantaggio in un rischio per la salute, è fondamentale prendere le seguenti precauzioni...
Attento al "prima" e al "dopo" Poiché i cambiamenti improvvisi possono scatenare i sintomi dell’asma, attenua l’impatto dell’allenamento sul tuo fisico con almeno 10 minuti di riscaldamento e altrettanti di defaticamento muscolare.

Attento ai liquidi La disidratazione compromette la capacità respiratoria, perciò bevi acqua in abbondanza prima, durante e dopo l’allenamento. Ancora di più nella stagione calda.

Attento al sale Un recente studio scientifico condotto dall'équipe del professor Robert Gotshall, docente della Colorado State University di Fort Collins (Usa), ha rilevato che una dieta povera di sodio migliora la respirazione e riduce i sintomi dell’asma causati dall’attività fisica. Cerca allora di non assumere con la dieta più di 2 g di sale al giorno.

Attento allo sport outdoor Quando fa molto caldo o al contrario molto freddo, è meglio che ti alleni in palestra (o comunque al chiuso) piuttosto che al parco vicino a casa. E lo stesso vale quando la qualità dell’aria è ai livelli minimi.
Prendi più vitamina C Alcuni ricercatori hanno scoperto che l’80% di coloro che soffrivano di asma indotta dall’esercizio fisico, non accusavano alcun sintomo se prima dell’allenamento assumevano quantità elevate di vitamina C. Le linee guida per la prevenzione delle malattie raccomandano di non superare i 2 g al giorno sotto forma di alimenti o integratori.

Stai a mollo Nuoto e aquagym rappresentano due ottime scelte per fare sport quando si soffre di asma, perché l’aria calda sopra il livello dell’acqua migliora la respirazione, consentendoti così di allenarti più a lungo e con meno sforzo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

La Mecca del running estivo sposa anche il triathlon

La Mecca del running estivo sposa anche il triathlon

19 luglio 2019

Clemente Russo e gli affondi con kettlebell

Clemente Russo e gli affondi con kettlebell

19 luglio 2019

Six pack: 5 trucchi per far risaltare i tuoi addominali

Six pack: 5 trucchi per far risaltare i tuoi addominali

16 luglio 2019

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

Ciclismo, la scelta del mezzo e le regole del gruppo

15 luglio 2019

Il crunch perfetto

Il crunch perfetto

10 luglio 2019

Nuoto: il "trampolino di lancio" della triplice

Nuoto: il

08 luglio 2019

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

Forza gambe: gli squat al multipower secondo Clemente Russo

05 luglio 2019

La nuova frontiera del fitness

La nuova frontiera del fitness

01 luglio 2019

Workout: 10 trucchi anti-noia

Workout: 10 trucchi anti-noia

30 giugno 2019

Allenamento a tutta birra

Allenamento a tutta birra

27 giugno 2019

SALUTE