a cura della Redazione - 07 giugno 2019

Recupera subito senza stop

Non tutti gli infortuni sportivi ti obbligano a stare fermo: in questi casi puoi tornare subito in forma proprio allenandoti.

1 di 6

Stiramenti, infiammazioni, dolori, lombalgie possono essere all'ordine del giorno se ti alleni duramente. La prima prevenzione che devi attuare è la corretta esecuzione degli esercizi, dal punto di vista biomeccanico e dei carichi di lavoro. La seconda, evitare recuperi affrettati e parziali. Per sapere come fare, segui i consigli del pool di ortopedici e fisioterapisti dell’Hospital of St. John & St. Elizabeth di Londra (GB).

Il sintomo: un dolore acuto e pungente dietro la coscia.

La causa: "In genere all’origine del problema c’è una parete addominale debole", spiega la fisioterapista dello sport Natasha Price, dell’Hospital of St. John & St. Elizabeth di Londra (GB). "Se questi muscoli non sono forti, si sovraccarica infatti la parte posteriore della coscia".

Per tornare in forma senza stop: oltre a rinforzare gli addominali con almeno 50 crunch al giorno, bisogna allungare i muscoli posteriori della coscia. Come? "Con questo esercizio", risponde il medico dello sport Cathy Speed, collega della Price: "mettiti supino, una gamba piegata con il piede a terra e l’altra sollevata con il piede in alto, afferra la coscia da dietro e avvicina la gamba al busto". 10-20 ripetizioni al giorno e tornerai in perfetta forma già dopo una settimana.

Il sintomo: una fitta o un dolore sordo alla schiena, a livello lombare.

La causa: "La più comune è proprio la sedentarietà: quindi l’errore peggiore che si possa fare è smettere di allenarsi", avverte il chirurgo spinale Mo Akmal, dell’Hospital of St. John & St. Elizabeth di Londra (GB).

Per tornare in forma senza stop: evita tutte le attività a impatto elevato, come la corsa e gli esercizi pliometrici, cioè con salti. "Per rimettere in sesto la schiena, fai i crunch sulla fitball: oltre a rinforzare gli addominali, otterrai anche il vantaggio di migliorare la mobilità e la stabilità della colonna vertebrale", conclude il dottor Akmal.

Il sintomo: un dolore acuto quando ti alzi e cominci a camminare al mattino.

La causa: "Una scarsa flessibilità delle caviglie, esacerbata soprattutto dagli sport a impatto elevato come running, basket e volley", spiega l’ortopedico Mark Davies, anch'egli dell’Hospital of St. John & St. Elizabeth di Londra (GB)

Per tornare in forma senza stop: vietato correre e saltare, perché si può aggravare il problema fino... alla rottura del tendine! Limitati alla bike e al nuoto. "In palestra usa carichi leggeri e abbassali lentamente. E fai qualche sollevamento dei talloni, tenendo gli avampiedi appoggiati sul bordo di uno step o di una scala, così da rinforzare i polpacci", chiude Davies.

Il sintomo: una sensazione pungente intorno e dietro la rotula.

La causa: "Detta anche 'ginocchio del corridore', in genere è causata da un superlavoro o una tecnica sbagliata della corsa conseguente a squilibri muscolari o anche a scarpe inadeguate", spiega il fisioterapista Simon Shepard, dell’Hospital of St. John & St. Elizabeth di Londra (GB).

Per tornare in forma senza stop: "Allunga e potenzia i quadricipiti, cioè i muscoli anteriori della coscia. Limitati a un training aerobico a basso impatto (come bici, nuoto o vogatore) e cerca sempre di evitare i carichi pesanti", suggerisce Shepard. Attento, però: se il problema persiste, meglio farsi vedere da un ortopedico perché potrebbe essere necessario un plantare per correggere un difetto di appoggio del piede.

Il sintomo: un dolore pulsante alla spalla.

La causa: "Rischi di procurartela se esageri con le partite a squash o a tennis, oppure se sollevi carichi troppo pesanti o ancora con una tecnica sbagliata", avverte il chirurgo della spalla Steve Corbett, sempre dell’Hospital of St. John & St. Elizabeth di Londra (GB).

Per tornare in forma senza stop: "In palestra fai solo gli esercizi per le gambe e gli addominali, lasciando le spalle a riposo", suggerisce Corbett. Inoltre, sono perfette anche le attività bruciagrassi a basso impatto, a patto che non richiedano di sollevare e abbassare la spalla, come per esempio la bici. "E se invece vai in piscina, ricordati che è meglio nuotare a rana anziché a stile libero", chiude il dottor Corbett.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Federico Chiesa: "Così mi alleno ogni giorno"

Federico Chiesa:

17 ottobre 2019

Overhead press: tutti i segreti

Overhead press: tutti i segreti

14 ottobre 2019

Il lavoro al plank, per un addome forte e scolpito

Il lavoro al plank, per un addome forte e scolpito

11 ottobre 2019

Il giorno della gara: le azioni indispensabili prima dello start

Il giorno della gara: le azioni indispensabili prima dello start

07 ottobre 2019

15 mosse per dire addio alle maniglie dell’amore

15 mosse per dire addio alle maniglie dell’amore

06 ottobre 2019

Brucia il grasso più in fretta!

Brucia il grasso più in fretta!

04 ottobre 2019

La dieta del rugbista

La dieta del rugbista

03 ottobre 2019

Corri e divora calorie

Corri e divora calorie

01 ottobre 2019

Le strategie per un'adeguata idratazione

Le strategie per un'adeguata idratazione

30 settembre 2019

3 preziose formule per convertire grasso in muscoli

3 preziose formule per convertire grasso in muscoli

29 settembre 2019

SALUTE