di Elizabeth Millard - 14 September 2021

L'attività fisica riduce le apnee notturne. Lo conferma la scienza

Un recente studio ha confermato che essere più attivi fisicamente e passare meno ore davanti alla tv migliora sostanzialmente la tua salute.

Stai cercando stimoli per allontanarti dalla tua ultima abbuffata televisiva e uscire a correre? Bene, considera questo: secondo una nuova ricerca dell'European Respiratory Journal, essere fisicamente attivi e passare meno ore davanti alla tv potrebbe ridurre sostanzialmente il rischio di sviluppare l'apnea ostruttiva del sonno, chiamata anche OSA.

Non è un problema da sottovalutare, dal momento che l'OSA è considerata una grave condizione in cui, mentre si dorme, la respirazione si ferma e ricomincia. Questo non solo disturba il sonno e porta alla sonnolenza diurna, ma riduce anche i livelli di ossigeno nel sangue e aumenta il rischio di problemi cardiovascolari e diabete di tipo 2.

Per misurare la portata di questa associazione, i ricercatori hanno esaminato i dati sanitari di più di 138.000 uomini e donne negli Stati Uniti non diagnosticati con OSA all'inizio dello studio. Entro la fine del periodo di ricerca - circa 10-18 anni, a seconda dei partecipanti - coloro che avevano un livello di attività più elevato avevano circa il 54% in meno di probabilità di sviluppare l'OSA.

In particolare, è risultato decisivo stare seduti e guardare la tv, e i partecipanti che hanno riferito più di quattro ore al giorno di questa abitudine, hanno avuto un rischio di OSA del 78% più alto rispetto alle persone meno sedentarie. Persino il lavoro sedentario, come un lavoro d'ufficio, ha dimostrato meno rischi rispetto alla tv, secondo l'autore principale Tianyi Huang, D.Sc., epidemiologo associato al Brigham and Women's Hospital e professore assistente alla Harvard Medical School di Boston. "Questo non significa che devi ritenerti fuori dai guai se stai seduto principalmente per lavoro, però", ha dichiarato.

"Entrambi i tipi di comportamento sedentario sono associati al rischio di apnea del sonno. La differenza è che guardare la tv è fortemente correlato con l'obesità. Questo potrebbe essere dovuto ad altri comportamenti spesso associati al guardare la tv, come fare spuntini o bere bevande zuccherate".

L'obesità è il fattore di rischio più forte per l'apnea del sonno, ha aggiunto Huang. Essere attivi ha dimostrato di migliorare la resistenza all'insulina e di abbassare l'infiammazione. Questi sono meccanismi vitali quando si tratta di apnea del sonno, così come la ritenzione di liquidi nel corpo. Un'attività come la corsa durante il giorno può ridurre la quantità di liquido che si trattiene di notte, il che significa meno pressione sui polmoni quando si dorme.

Un altro risultato importante è che per una migliore salute del sonno, non è sufficiente essere meno sedentari (per quanto fare esercizio come la corsa è essenziale).

"Le persone possono avere alti livelli di attività fisica e allo stesso tempo essere molto sedentarie", ha detto Huang. "Quello che il nostro studio suggerisce è che bisogna fare entrambe le cose. Non solo bisogna essere più attivi, ma anche ridurre le ore di sedentarietà".

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) raccomanda di fare almeno 150 minuti di attività aerobica di moderata intensità o 75 minuti di attività aerobica ad alta intensità a settimana, e almeno due giorni di allenamento della forza a settimana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA