di Rosario Palazzolo - 13 November 2019

Il running si conferma elisir di lunga vita

Il lavoro svolto da ricercatori di tutto il mondo in 14 studi nel corso di 35 anni è stato riunito e analizzato da colleghi australiani. L'esito? Correre allunga la vita, indipendentemente dalla quantità.

Fare movimento, sudare, espellere tossine con una corsa è da sempre considerato un ottimo metodo per tenersi in forma. Questo stato di benessere viene avvertito in prima persona da chi "agisce", con un miglioramento evidente dell'umore e del fisico, e per la prima volta è stato confermato dalla scienza.

Un lavoro che mette insieme un gran numero di ricerche condotte negli ultimi decenni è arrivato a sancire che la corsa contribuisce ad allungare la vita.

Un'analisi pubblicata online sul British Journal of Sports Medicine (gruppo Bmj), eseguita da Zeljko Pedisic della Victoria University di Melbourne, in Australia, ha eseguito una revisione sistematica di ricerche e studi pubblicati in un'ampia gamma di database accademici in merito all'associazione tra corsa o jogging e il rischio di morte.

Sono almeno 14 le ricerche integrate e rielaborate insieme, per un totale di 232.149 persone coinvolte, la cui salute è stata tenuta sotto osservazione per un periodo da 5,5 a 35 anni. Nel corso delle ricerche 25.951 partecipanti sono morti. Quando i dati degli studi sono stati riuniti, è emerso che, per quanto si possa correre poco, il fato stesso che si corra determina una riduzione del rischio di morte più basso del 27% per tutte le cause per entrambi i sessi, rispetto a chi non corre. In particolare, è associato a un rischio ridotto del 30% per malattie cardiovascolari e un ridotto rischio di morte per cancro pari al 23%.

Dunque, anche una “piccola dose” di corsa settimanale è collegata a una aspettativa di vita più lunga e soprattutto più sana.

Tra i risultati di questa elaborazione emerge anche che l'aumento della “quantità” di corsa non determina un miglioramento sostanziale della longevità.

Dunque anche la corsetta domenicale che implica una seduta di meno di 50 minuti e una velocità inferiore a 8 km l'ora, conferisce benefici per la salute. Anche poco è meglio di nulla!

© RIPRODUZIONE RISERVATA