a cura della Redazione - 18 September 2019

Sette dritte per uno spuntino dietetico, senza mela!

Cosa mangiare (e cosa no) fuori pasto per contenere le calorie a pranzo e cena. Più qualche sana curiosità alimentare...

Non solo mele

Lo spezzafame ideale rimane sempre un frutto (a partire dalla classica mela), ma hai tutta la nostra comprensione se dici che alla lunga ti fa, sì, calare la pancia ma anche il morale... Eccoti allora qualche dritta per uno snack alternativo, magari un pochino più calorico ma comunque in grado di tenere a bada l'appetito e farti quindi mangiare di meno a pranzo e cena: da alternare alla solita, sanissima mela.

Regola 1: solo se hai fame

Ricercatori francesi hanno notato che quando alcuni partecipanti a uno studio, pur non avendo appetito, si concedevano uno spuntino qualche ora dopo pranzo, in seguito non introducevano meno calorie a cena, indipendentemente dal fatto che la merenda fosse o meno ad alto contenuto di carboidrati o grassi.

Regola 2: punta sulle proteine

... e meno sui carboidrati. Un altro gruppo di ricercatori francesi ha infatti scoperto che gli spuntini ad alto contenuto proteico contribuiscono a farti sentire più sazio, aiutandoti a mangiare di meno al pasto successivo. Ad alcuni volontari è stato chiesto di assumere 200 calorie di proteine o carboidrati, o niente del tutto: alla fine si è visto che coloro che avevano mangiato snack a elevato contenuto di carboidrati, sentivano nuovamente il bisogno di buttar giù qualcosa con la stessa rapidità di quelli che non avevano fatto alcuno spuntino.

Regola 3: vacci piano con il sale

Uno studio pubblicato dalla rivista dell’American Heart Association (un’organizzazione no-profit statunitense che si occupa di ridurre le morti causate da problemi cardiaci e ictus) ha rilevato che i bambini che mangiano snack salati, oltre ad avere più sete (com’è ovvio), sono anche più portati a bere bevande gassate aromatizzate ad alto contenuto di calorie e zuccheri. E quel che vale per i più piccoli, in questo caso vale anche per te...

Regola 4: sfrutta le proprietà del gelato

Tramite la risonanza magnetica nucleare (Rmn), ricercatori britannici hanno rilevato che un solo cucchiaio di gelato può scatenare i centri del piacere del cervello. Inoltre, gli scienziati hanno scoperto che basta mezza tazza di gelato alla vaniglia per assumere 18 mg di colina, un nutriente essenziale che secondo alcune ricerche dell’USDA (United States Department of Agriculture) è in grado di ridurre dell'8% i livelli ematici di omocisteina. Un bene per la salute, visto che eccessive quantità di questo aminoacido vengono considerate un fattore di rischio per molte malattie, tra cui cancro, infarto, ictus e Alzheimer.

Regola 5: fatti questa salsa

Metti nel mixer un po' di avocado e di succo di lime, mezzo jalapeno (è ok anche il peperoncino) e qualche pizzico di sale. Frulla il tutto e avrai subito a disposizione una gustosa salsa guacamole, che oltre a essere fantastica con le tortillas, è anche un modo sano per assumere in occasione degli spuntini pomeridiani fibre, vitamine, minerali e grassi monoinsaturi amici del cuore.

Regola 6: sì ai popcorn al cinema

Uno studio effettuato su alcuni consumatori abituali di popcorn, e pubblicato dall'autorevole Journal of American Dietetic Association, ha rilevato che questi soggetti assumevano fibre e cereali integrali in quantità maggiore dal 22 al 250% rispetto ad altri che di fibre e cereali non ne mangiavano affatto.

Regola 7: piuttosto che i sottaceti...

Nel corso di uno studio ricercatori statunitensi della Purdue University hanno scoperto che coloro che a merenda consumavano arachidi, burro di arachidi, mandorle, castagne o cioccolato, avevano significativamente meno appetito di altri che mangiavano dolci di riso o sottaceti. Sottaceti?!? Non dirci che li mangi anche tu...

© RIPRODUZIONE RISERVATA