06 March 2012

PIACERE A LUNGA DURATA

10 modi naturali per sconfiggere l'eiaculazione precoce e aumentare tempi e intensità dei vostri rapporti sessuali

PIACERE A LUNGA DURATA

Quando si parla di sesso, il disturbo più diffuso e fastidioso è senza dubbio l'eiaculazione precoce: secondo i sondaggi ne soffre circa il 25-40% della popolazione maschile (in Italia sarebbero 4 milioni di uomini). Se anche sei tra i fortunati che non hanno questo problema, devi sapere che in media gli uomini durano dai 5 ai 10 minuti, e 7 uomini su 10 vorrebbero resistere più a lungo. Ci sono alcuni trucchi che puoi adottare prima, durante e dopo il rapporto per aumentare la durata delle tue performance sotto le lenzuola e conquistare un piacere longa lasting: eccoli.

02. Prima di fare sesso: affina la tecnica.

La masturbazione ti può aiutare a imparare a giungere vicino al punto di non ritorno e ad evitare di eiaculare allungando il tempo del piacere. Puoi per esempio fissare il tempo minimo a un quarto d'ora, e quindi allenarti tenendo a mente come funziona l'orgasmo di una donna anziché il tuo.

04. Durante il rapporto: impara il galateo.

Ovvero: prima le signore (e non solo al ristorante). Quando la aiuti a raggiungere l’orgasmo per prima, ti senti un po’ sollevato dalla pressione di darle piacere, e dall’ansia che alimenta l’eiaculazione precoce.

10. Dopo aver fatto sesso: chiama il dottore.

Esistono numerosi prodotti e medicinali anche naturali in grado di aiuarti a ritardare i tempi del tuo piacere. E uno specialista andrologo è sicuramente in grado di aiutarti a risolvere questo problema.

08. Durante il rapporto: non pensarci.

Sia che tu voglia scatenare l'orgasmo, sia che tu stia cercando di frenarlo, l'area del cervello preposta è comunque impegnata. Quindi pensa ad altro, per esempio alla sua fantastica schiena o se serve una brusca frenata dell'eccitazione alla riunione di domani in ufficio.

09. Dopo aver fatto sesso: concedi il bis.

Sì, gli uomini resistono molto più a lungo nel secondo tempo, quindi piuttosto che mortificarti per una eiaculazione precoce dedicati subito all'eccitazione della tua partner e quando sei pronto monta subito in sella.

05. Durante il rapporto: non spingere.

All'inizio del rapporto premi la punta del pene contro il suo clitoride, indugiando all’ingresso della vagina, dove si trovano le terminazioni nervose più sensibili: in questo modo aumenti la sua eccitazione e ritardi la tua stimolazione. Poi, quando cominci il rapporto vero e proprio, concentrati su piccoli movimenti poco profondi che ti fanno penetrare solo nei primi 5-8 cm di vagina.

06. Durante il rapporto: falla salire.

Nelle posizioni in cui lei è sopra, il tuo pene è meno stimolato. E se ti accorgi di avere comunque fretta, puoi chiederle di muoversi lentamente: le spinte lunghe e rapide sono rischiose per la resistenza maschile.

07. Durante il rapporto: strizza bene.

Se l'eccitazione sale eccessivamente, fermati e premi con la mano appena sotto la testa del pene, premendo sull’uretra, il piccolo condotto che scorre lungo la parte inferiore del pene. In questo modo spingi il sangue via dal tuo organo, reprimendo momentaneamente la risposta eiaculatoria.

03. Prima di fare sesso: fai una graduatoria.

Il ciclo di risposta sessuale è costituito da quattro fasi: eccitazione, plateau, orgasmo, risoluzione. Il trucco per tenere sotto controllo i tempi del piacere sta nel riconoscere l'intensità delle sensazioni durante tutto il ciclo. Valuta, con una scala da 1 a 10, la tua eccitazione sessuale e prova a mantenerti costantemente attorno a 7.

01. Prima di fare sesso: migliora il controllo.

Puoi aumentare la tua capacità di controllare i tempi dell'eiaculazione allenandoti con gli esercizi di Kegel: si tratta di bloccare e rilasciare più volte nel corso della minzione il flusso dell'urina. Un modo per favorire le contrazioni volontarie dei muscoli pelvici, che sono responsabili anche del controllo dell’eiaculazione. Una volta che hai capito come funzionano, puoi allenarti in ufficio, in viaggio, a casa o in palestra, mantenendo contratti i muscoli per qualche secondo, poi rilassandoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA