a cura della Redazione - 24 luglio 2019

Cattivo sudore: quando il problema è medico?

Rispondi a queste domane per vedere se sudi in modo patologico.

È da poco che hai cominciato a sudare?

La maggior parte delle persone con iperidrosi primaria (sudore eccessivo, che dà fastidio ma non è mortale) segnalano per la prima volta il problema da bambini o adolescenti, spiega il dottor John Eisenach, M.D., esperto di attività fisica e sudore alla facoltà di medicina della Mayo Clinic. Invece l’iperidrosi secondaria, cioè sudate insolite causate da una malattia, spesso si manifesta all’improvviso in età adulta. In questo caso, vai dal medico.

Sudi dappertutto?

Il sudore normale è simmetrico. Se una mano è bagnata e l’altra completamente asciutta, potresti avere un disturbo neurologico. Lo stesso vale per il sudore che si manifesta in zone a caso. Trova un neurologo specializzato nella neurofisiologia dell’iperidrosi.

Il sudore si associa a dolore?

Il sudore anomalo (eccessivo o insufficiente) sul punto di una lesione al braccio o alla gamba, vecchia ma ancora dolente, è segno di sindrome dolorosa regionale complessa (CRPS), in cui un danno non diagnosticato ai nervi, oltre a causare dolore cronico, influisce anche sulla produzione del sudore nella zona circostante. Anche in questo caso, contatta un neurologo.

Ti capita spesso di bagnare di sudore il letto?

Una cosa è se ti svegli fradicio di sudore perché decidi di indossare pigiami di flanella in luglio (o sogni Molly Sims con niente addosso), ma altrimenti l'eccessiva sudorazione ricorrente durante il sonno non è mai normale, come ha scoperto il dottor Eisenach. Le cause possibili sono il morbo di Hodgkin, l’HIV, l’uso di un integratore con niacina o un effetto collaterale di un antidepressivo. Vai dal medico di base.

© RIPRODUZIONE RISERVATA