Occhio al complotto

In un'epoca come la nostra, le teorie del complotto fioriscono. Cercare significati e spiegazioni in luoghi e fatti improbabili è quasi uno sport di massa. E il bello è che a volte le idee più strane sono proprio quelle più vere.

Foto Getty Images

Jitarth Jadeja abbassa il suo latte di soia e ride mentre i clienti di un caffè nella zona di Castle Hill a Sydney ci guardano. Ho appena fatto una battuta su come far contenti i Democratici e Jadeja se la ride di gusto. C’è stato un tempo in cui il 33enne non avrebbe trovato divertente la battuta. Non perché è di cattivo gusto. Ma perché non avrebbe pensato che fosse uno scherzo.

Jadeja, un uomo amichevole e socievole con uno spirito pronto e il sorriso facile, è un ex seguace di QAnon, il più famoso movimento complottista americano degli ultimi decenni, con oltre 30 milioni di sostenitori. Nel 2017 è caduto nella tana del coniglio. Tra le altre cose, credeva che una cabala segreta di pedofili cannibali adoratori di Satana gestisse un giro globale di traffico sessuale di bambini. E non era la cosa più folle in cui credeva. “Mangiare bambini è una delle prassi più diffuse nel mondo”, dice, mentre mi guardo intorno per vedere cosa ne pensano gli altri clienti della nostra conversazione.

Jadeja ha creduto a tutto ciò che il misterioso “Q” ha pubblicato e poi ha anche trovato da solo le “prove” a sostegno di quelle affermazioni. Le incongruenze logiche e le verità scomode sono state spazzate via o volontariamente ignorate. E i pettegolezzi e le profezie più estreme? Se li è divorati. “Volevo solo che fosse tutto vero”, dice. Jadeja ha ottenuto la sua “verità” più importante e incontrovertibile all’inizio del 2018. Q aveva detto ai follower che Donald Trump avrebbe usato la frase “tip-top, tippy top” in un discorso. Quattro mesi dopo il post, Trump la ha detta: “quella era la prova che Q aveva una connessione a Donald Trump. È stato il momento chiave in cui cominciare a credere davvero nelle profezie e nelle spiegazioni folli di QAnon. Eppure poi quella stessa frase alla fine ha portato Jadeja fuori da quel mondo oscuro. Ci sono voluti 18 mesi ma alla fine, dopo aver visto un video in cui venivano presentati tutti i casi in cui Trump usava la frase “tip top”, Jadeja si è finalmente svegliato. Ha aperto gli occhi. Quella realizzazione ha fatto crollare il suo mondo. “Mi sono detto: che razza di fesseria è questa?”.

Eppure oggi è il momento di massimo splendore per i teorici delle cospirazioni e delle trame oscure. La pandemia e il lancio del vaccino COVID-19 hanno dato il via a una raffica di false ipotesi e fake news su complotti e trame segrete. È il momento peggiore per le persone deboli che sono portate a crederci. Ma in realtà quando la realtà vacilla tutti cerchiamo disperatamente una spiegazione. È umano. Ed è difficile resistere al richiamo del fantastico, alla tentazione della soluzione chiara e sensazionale in un’epoca di incertezza. Però i modi per fortificare le tue difese esistono. Ma è un percorso che richiede buona volontà e consapevolezza. È necessario cercare i fatti piuttosto che le risposte ed essere disposti ad accettare l’incertezza in assenza di spiegazioni. Se poi hai anche un buon senso dell’umorismo allora sei salvo.

Una vera sfida

Le circostanze in cui vieni attratto nel mondo sinistro dei complotti governativi e degli insabbiamenti misteriosi, richiede la stessa ginnastica mentale che usano i teorici della cospirazione per raggiungere le loro conclusioni errate. Tuttavia, ci sono elementi che aiutano la tua caduta nel vortice delle spiegazioni assurde.

Quando Jadeja è caduto sotto l’incantesimo di QAnon era depresso e socialmente isolato mentre lottava per completare una laurea che si trascinava da oltre un decennio. Senza scopo, ambizioni o una vita sociale vera, aveva quello che molti uomini non sanno gestire: tanto tempo a disposizione. Poteva passare fino a 17 ore al giorno a divorare teorie che promettevano di spiegare il nucleo marcio del mondo. “Passavo tutto il giorno a guardare le teorie della cospirazione, a leggerle, a leggere libri, riviste, a guardare documentari”.

Epilettico, Jadeja stava anche lottando per affrontare una diagnosi di disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). In seguito gli sarebbe stato diagnosticato il bipolarismo. Mentre la sua vita personale iniziava a disfarsi, si è verificato un evento irripetibile: Donald Trump ha vinto le elezioni del 2016. Fu un risultato che Jadeja, che era stato un vigoroso sostenitore di Bernie Sanders, non si aspettava. “È così che ho iniziato a cercare spiegazioni alternative”. Tutti questi fattori insieme mandarono in tilt il suo stato mentale. “Era come se il mio micro mondo interno e il macro mondo esterno si fossero entrambi spaccati”.

Quando Jadeja si incontrava con i vecchi amici non era più un bravo ragazzo. “Ero costantemente agitato, ansioso e parlavo sempre io, sempre più veloce, saltando da un soggetto all’altro. Ho dovuto trasformare ogni singola cosa in questa merda della cospirazione”.

La parte peggiore era che poteva vederlo accadere ma si sentiva impotente a fermarlo. “Potevo vedere la pietà, lo shock e una specie di disgusto nei loro occhi, ma non potevo fermarmi.” Oggi Jadeja ha guardato con orrore i gruppi di estrema destra e i seguaci di QAnon prendere d’assalto il Campidoglio a Washington D.C., ma è un evento che cinque anni fa lo avrebbe esaltato, insieme a cose come la dichiarazione della legge marziale e la prospettiva dell’esecuzione di Hilary Clinton. Senza amici e senza persone care che ci sostengano, siamo tutti destinati ad andare alla deriva. E se non troviamo conforto e affermazione nel mondo reale, c’è una comunità virtuale online pronta a colmare quel vuoto.

“Quelle che hanno maggiori probabilità di credere nelle cospirazioni sono le persone che hanno difficoltà a interagire con gli altri”, afferma Tamara Cavenett, presidente della Australian Psychological Society. Non solo: lo stress e l’ansia possono renderti più suscettibile a credere a interpretazioni distorte di eventi qualsiasi. “È più probabile che vediamo modelli casuali”, afferma il dottor John Cook, uno scienziato cognitivo della George Mason Universitysity in Virginia. “Se gli eventi sono causati solo da coincidenze casuali e insignificanti, tutto sembra troppo insoddisfacente. Ciò può portare le persone a unire i punti: ‘Ehi, il Covid è iniziato a Wuhan e proprio lì c’è un laboratorio biologico. Pertanto, il Covid forse è stato bioingegnerizzato dal governo cinese in laboratorio’. Tendiamo a interpretare le cose come se fossero state progettate da qualcuno. Naturalmente, coloro che hanno opinioni politiche estreme sono particolarmente vulnerabili, aggiunge Cavenett.

C’è stato un ultimo fattore cruciale nel percorso di Jadeja: il desiderio di essere speciali. Che a volte è così forte che sei disposto ad aggrapparti a qualunque cosa anche se ridicolo pur di provare quella sensazione.

Si inizia con un click

Stavo scorrendo Facebook di recente quando mi sono imbattuto in un video intitolato “La CIA rilascia filmati di incontri dell’Air Force con gli UFO”. Immediatamente sono stato portato a una storia con filmati di strani oggetti in movimento catturati dai piloti. Ero emozionato. Il problema per me è che, subito dopo, il mio feed di Facebook è stato bombardato da storie di UFO di qualità sempre più dubbia. È una cosa relativamente benigna, ma una parte di me si chiede dove potrebbe portare. Eppure continuo a cliccare. “È così che accadono queste cose”, afferma il dott. Timothy Graham, docente senior di media e comunicazione digitali presso la Queensland University of Technology. “I ragazzi in particolare sono attratti da cose sensazionali. Sono le loro pulsioni innate per cose come incidenti stradali o video di combattimenti. È anche normale anche essere semi consapevoli e chiedersi se si ha davvero bisogno di guardarlo?”. Il pericolo è che possa essere l’inizio di un “percorso di radicalizzazione” che sfrutta le tue debolezze psicologiche. “Lo abbiamo visto accadere spesso, in particolare su YouTube, dove fai clic su un video di Jordan Peterson una volta e poi arrivi al teorico della cospirazione Alex Jones. Come sottolinea Graham, queste trappole fanno sempre più parte della disinformazione. Prendi, ad esempio, il bizzarro allineamento dei no-vax che condividono la disinformazione con gruppi di estrema destra come QAnon. Nonostante il divario tra i background di questi gruppi, i no-vax sono in gran parte donne mentre i fanatici di QAnon per lo più maschi bianchi e l’ideologia politica dove si incontrano, dice Graham, è nello stesso desiderio di appartenenza, sfiducia nello Stato e nelle istituzioni, con un forte bisogno di attribuire colpe e una ricerca disperata di una soluzione semplice. Un rapporto pubblicato su The Lancet ha rilevato che gli account sui social media detenuti da no-vax hanno aumentato il loro seguito di almeno 7,8 milioni di persone dal 2019.

Il dottor Vyom Sharma, un medico di famiglia di Melbourne, ha già riscontrato sentimenti anti-vaccino tra i pazienti del suo studio. “Spesso, prima di ottenere buone informazioni, sono stati esposti a punti di discussione anti-vax”, dice. “‘Oh, questo vaccino mi renderà sterile?’ E solo... tutti questi altri effetti collaterali per i quali non ci sono prove”.

Prendi Gary, un padre di due figli di Melbourne che lavora nel settore bancario. Ha preoccupazioni che la velocità dello sviluppo del vaccino possa averne compromesso il rigore e la portata degli studi clinici. “L’hanno portato sul mercato così rapidamente – sto usando il linguaggio bancario qui – come possiamo capire gli effetti collaterali a lungo termine quando abbiamo un set di dati così limitato da analizzare?”. Allo stesso modo, mentre non credeva in precedenza nelle teorie della cospirazione e si descriveva come politicamente mainstream, gli eventi dell’anno scorso hanno portato Gary a farsi delle domande, se non ancora a cercare risposte. “L’unica cosa di cui sono sospettoso è che il Covid sia stato creato in un laboratorio”, afferma. “Sembra semplicemente troppo perfetto. Non influisce sui giovani. Ha permesso alla Cina di paralizzare l’economia mondiale. Temo che questo possa essere un nuovo tipo di guerra. Voglio dire, nel bel mezzo di questa cosa vedi persone laggiù a Shanghai che vanno alle sfilate di Louis Vuitton, sedute fianco a fianco. Sento puzza di bruciato”.

Una nuova età oscura

Quando la peste nera decimò l’Europa nel XIV secolo non passò molto tempo prima che si diffondessero alcune teorie sulle sue origini, portando a una diffusa persecuzione del popolo ebraico. Da allora, le teorie della cospirazione hanno imperversato, ma mai prima d’ora si sono diffuse così velocemente o sono state così pericolose come lo sono adesso.

Eventi come l’11 settembre, la presidenza Obama e l’ascesa di Trump hanno visto i gruppi di estrema destra fondersi nelle comunità online in cui la disinformazione viene utilizzata per evidenziare le mancanze politiche. Sebbene molte di queste teorie siano per ora ai margini della società, guadagnano sempre più seguito e celebrità, diffondendo materiale discutibile. “Questo è un nuovo problema nell’era dei social media, dove le persone parlano e spesso fanno proselitismo al di là delle loro competenze”, afferma Sharma.

Questa disinformazione è pericolosa e può essere paragonata a quelli che nella propaganda sovietica erano conosciuti come “utili idioti”. Le pedine che inconsapevolmente diffondono informazioni false. “Se riesci a convincere questi influencer a trasmettere, retwittare o condividere informazioni false o contenuti pericolosi, allora potresti essere in grado di innescare cascate di attenzione che inquinano lo spazio delle informazioni e portano a termine il lavoro per te”, dice. Graham indica la teoria della cospirazione del 5G intorno al Covid-19 come esempio di dove “utili idioti” hanno catapultato una teoria marginale al centro del mainstream.

Nessuna rima, nessuna ragione

Mentre Jadeja e io concludiamo il nostro caffè, discutiamo di ciò che spera di ottenere raccontando la sua storia. Menziona suo padre, che ora è un seguace di QAnon. “Durante il viaggio qui era entusiasta del fatto che Joe Biden fosse un clone perché il vero Joe Biden è morto”, dice. Jadeja spera che raccontando la sua storia possa aiutare suo padre e altri che sono caduti in questa trappola del complottismo. Ma sa per esperienza personale quanto sia difficile raggiungere qualcuno la cui mente ha iniziato a scavare dentro le macerie di se stessa. Uno dei sette tratti del pensiero cospiratorio è l’immunità alle prove, conferma Cook. “Quindi anche se stai cercando di spiegare loro che, ‘Ehi, guarda questo. Deve essere sbagliato a causa di questa prova qui?’. . . loro interpretano quella prova come una nuova parte del complotto”. Ma mentre cercare di ragionare con i teorici della cospirazione è in gran parte inutile, lo è anche considerarli dei pazzi, afferma il dottor Chris Fleming, autore di Modern Conspiracy. “Non c’è niente di sbagliato nell’essere sospettosi sulle autorità”, afferma Fleming. “Fa parte della tradizione dell’Illuminismo. Non devi credere a tutto ciò che qualcuno ti dice. Non ci devi credere solo perché l’ha detto un prete, perché l’ha detto il re, e non ci devi credere solo perché lo dicono gli scienziati”.

Fleming crede che nella loro determinazione a reprimere i teorici della cospirazione, i demistificatori spesso diffamino indebitamente lo stato del discorso pubblico contemporaneo ed esagerino la gravità di alcune affermazioni dei teorici della cospirazione. Resiste anche a classificare i teorici della cospirazione come nichilisti paranoici. Piuttosto, sono esseri umani che cercano di dare un senso al mondo, anche se spesso senza le qualifiche richieste per farlo. “Collegare cose che non pensiamo siano collegate è una delle cose che ogni accademico fa sempre”, dice. Dove le teorie del complotto diventano pericolose, avverte Fleming, è quando cercano di attribuire la colpa. “Appena c’è un infortunio pensiamo che ci deve essere qualche brutto colpevole che ha pianificato da qualche parte il nostro infortunio”, dice.

Anche Mendham ritiene che i teorici della cospirazione debbano essere affrontati con empatia e comprensione, oltre che con perseveranza. “Ci vuole un grande sforzo per sfatare o dissuadere, e non dissuaderai mai la maggior parte delle persone”, dice. “Ma puoi far sapere là fuori che potrebbero esserci spiegazioni alternative e più ragionevoli per ciò a cui stanno pensando”. Poiché molti teorici della cospirazione spesso si considerano realisti o pensatori critici, questa è un’area in cui puoi lottare su un terreno comune. “Facendo appello a quel valore comune del pensiero critico, puoi potenzialmente sfidare una persona ad applicarlo alla propria teoria della cospirazione”, concorda Cook.

Potresti iniziare esaminando se la tua teoria preferita è all’altezza della definizione di pensiero critico: “Dici che puoi volare. Io dico, dimostramelo. Non dico che non puoi, anche se probabilmente è improbabile”. E le cose che non possono essere spiegate? Se sono fenomeni che esistono ai limiti della nostra comprensione e alle frontiere dell’indagine scientifica? “Ci sono cose in cui devi solo dire: ‘Non lo so’”, dice Mendham. “Ovviamente non è la risposta migliore, ma è l’unica possibile qui e ora”.

Jadeja dice persino di essere contento di aver superato tutto. “Se non ci fossi passato, non credo che avrei il livello necessario di autocoscienza o di pensiero critico o persino di umiltà per ammettere che potrei sbagliarmi su qualcosa di cui sono così sicuro”, dice. Mentre ci alziamo per andarcene si gira verso di me e sorride. “A volte penso che siamo morti tutti nel 2016. Il mondo è morto e ora siamo in questo strano aldilà”. Sta scherzando. Da qualche parte là fuori, però, qualcuno non sta ridendo.

I video di Men's Health

Guarda tutti i video di Men's Health >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Come restare competitivi anche dopo gli "anta"

Come fanno gli atleti a non perdere smalto dopo i 40 anni? Ecco le strategie che puoi usare anche tu.

Come restare competitivi anche dopo gli

21 September 2021

4 test per ricominciare dal Crossfit

La crescente popolarità degli eventi di social fitness ci sta facendo diventare tutti atleti professionisti. Nel Regno Unito i National Fitness Games hanno sviluppato un algoritmo per classificare l’abilità fisica di ogni persona. Vuoi scoprire a che punto sei? Ecco quattro test che puoi fare anche tu.

4 test per ricominciare dal Crossfit

16 September 2021

Crunch o plank: quale più efficace per definire in fretta gli addominali?

È arrivata l’estate: non hai più tempo da perdere se vuoi mostrare gli addominali in spiaggia. Quale esercizio ti permette di ottenere più risultati e più in fretta: il crunch o il plank?

Crunch o plank: quale più efficace per definire in fretta gli addominali?

13 September 2021

Quanto aiutano il fisico i press up?

Workout versatile quanto popolare, scolpisce il petto come un coltellino svizzero.

Quanto aiutano il fisico i press up?

08 September 2021

4 trucchi per correre con continuità

Scopri come aumentare forza e stabilità dei tuoi arti inferiori, e correre a lungo senza provare dolore o subire infortuni.
4 trucchi per correre con continuità

02 September 2021

Un circuito fullbody per scolpire i tricipiti

Per allenare i tricipiti non c’è bisogno di fare esercizi isolati. Esegui queste mosse full body per sollecitare i muscoli delle braccia e non solo.

Un circuito fullbody per scolpire i tricipiti

31 August 2021

Six pack: tutte le regole e gli errori da evitare

Le regole infallibili (e i miti da sfatare) per bruciare il grasso addominale, ottenere una pancia piatta e abs ben definiti.
Six pack: tutte le regole e gli errori da evitare

29 August 2021

Aggiungi forza funzionale

Un workout diviso in due parti, usando meno attrezzi possibili, per allenare il corpo e la mente allo stesso tempo. Con alcune dritte in base al tuo livello di preparazione.

Aggiungi forza funzionale

25 August 2021

Cosa succede se prendo la creatina

Non confondere questo composto per un farmaco che ti aiuta a pompare i muscoli. Fa molto di più: dà energia extra a mente e corpo.

Cosa succede se prendo la creatina

19 August 2021

Pull up: la presa che fa la differenza

Esistono diversi tipi di presa per il pull up e a seconda della posizione della mani il risultato sui tuoi muscoli cambia. Scopri come.

Pull up: la presa che fa la differenza

17 August 2021

SALUTE