20 Alpini sfidano i "Giganti"

Si chiama Over The Top ed è il progetto dell'esercito Italiano grazie al quale 20 Alpini stanno preparando, per la prima volta, in gruppo, la sfida al Tor Des Geants, uno degli ultratrail più duri e affascinanti del panorama mondiale.

1/5

Allenamenti notturni che prevedono anche la privazione del sonno (foto Esercito).

1 di 4

Ci saranno anche 20 (più uno) Alpini del 5° Reggimento della “Brigata Alpina Julia” alla partenza della decima edizione del Tor Des Geants, una delle gare di ultratrail più dure e difficili al mondo, che si svolgerà dal 8 al 14 settembre prossimi. Un percorso che si sviluppa lungo le Alte Vie della Valle d'Aosta con partenza ed arrivo a Courmayeur, un totale di circa 330 km (200 miglia) e 24000 metri di dislivello positivo (D+), seguendo per prima l'Alta Via numero 2 verso la bassa Valle e ritornando per l'Alta Via numero 1. Il tutto da completare entro un tempo massimo di 150 ore.

La sfida fa parte del progetto “Over The Top 2”, programma dello Stato Maggiore Esercito che si prefigge l’obiettivo di ottimizzare le capacità di adattamento dei militari ad ogni tipo di condizionamento esterno che possa influire sul fisico o sulla mente di un soldato impiegato in attività particolarmente gravose. Esattamente quello che succede durante l'evoluzione di un ultratrail come il Tor Des Geants.

A conoscerne segreti e trappole è il Tenente Colonnello Giulio Monti, appassionato di ultratrail, con due partecipazioni alle spalle (la terza è in arrivo) e forte sostenitore del progetto. «Non è solo un grandissimo sforzo fisico. Bisogna essere in grado di gestire la privazione di sonno, sopportare il dolore di vesciche e unghie rotte, la fame, la sete, saper affrontare con lucidità i momenti in cui arriveranno le allucinazioni. È necessario avere una grande forza mentale per affrontare tutto questo stress psicologico. Esattamente come può succedere in una qualsiasi missione militare. Dopo essermi ritirato a soli cinque chilometri dall'arrivo due anni fa – ci ha raccontato – lo scorso anno insieme ad un altro ufficiale abbiamo affrontato la preparazione al Tor Des Geants, sottoponendoci allo stesso addestramento dei soldati che lo correranno in questa edizione. Entrambi ne abbiamo tratto grande beneficio e siamo riusciti a portare a termine, singolarmente, la nostra personale impresa».

Un progetto con ben più alte ambizioni che portare “semplicemente” a termine una gara. «Partecipare ad un ultratrail è comunque alla portata di tutti – prosegue il Tenente Colonnello Giulio Monti -. La vera sfida per noi è un'altra. Vogliamo andare oltre. Il nostro obiettivo non è dimostrare semplicemente qualcosa, ma verificare se la tipologia di addestramento che abbiamo ideato ha effetto. E capire fino a dove questo effetto ha una efficacia vera e propria. Come militari. Il nostro obiettivo è portare al limite, fisico e psicologico, i nostri soldati. Con una sfida in più rispetto a tutti gli altri. Quello di affrontarla in gruppo».

Saranno divisi infatti in due “plotoni” da dieci i militari (tutti compresi tra i 20 e i 38 anni) che prenderanno il via al Tor Des Geants. Un percorso iniziato lo scorso marzo e che li porterà ad affrontare nell'arco di soli sei mesi la distanza di oltre trecento chilometri. Una preparazione divisa in diversi step, durante i quali è stata valutato accuratamente il loro crescente livello di addestramento.

«Il livello di partenza di tutti i ragazzi è stato similare. Abbiamo scelto in un gruppo omogeneo, proprio per non creare differenze di preparazione – ci ha spiegato il Tenente Colonnello Giulio Monti -. Siamo partiti da un test iniziale per valutare le loro capacità fisiche e psichiche prima dell'inizio della preparazione. Nei primi mesi hanno seguito un percorso tradizionale, seguendo un addestramento militare normale con camminate e leggere e qualche salita, e già al secondo test abbiamo rilevato netti miglioramenti di performance dovuto agli allenamenti (circa del 15%). Poi, seguiti da un gruppo di esperti, siamo passati ad una nuova tipologia di addestramento che ha alternato soprattutto allenamenti di tipo psicologico ad attività di tipo fisico, con fisioterapisti per potenziare la core stability, ma anche a sedute con un nutrizionista e allenamenti di privazione del sonno (dormiranno solo una quindicina di ore in sei giorni durante la gara). La terza valutazione la stiamo facendo in questi giorni e ci aspettiamo un incremento ancora più importante rispetto ai risultati ottenuti fino ad ora. Soprattutto per quel che riguarda il brain training. Vogliamo dimostrare che questa metodologia può essere applicata oltre alla selezione iniziale (cosa che già avviene), all'addestrameno di base (come nel nostro caso), ma anche a quello avanzato (come già fanno alcune forze speciali) e a quello del recupero post traumatico».

La vera “prova del nove” sarà poi lungo i sentieri del Tor Des Geants, anche se le due squadre hanno già affrontato nel corso degli ultimi mesi importanti sfide: la W Doppia Ultra 60 (gara che si svolge tra la Svizzera e l’Italia, percorrendo un tracciato di 60 km da Poschiavo a Tirano con 4300 m di dislivello positivo), la Gran Trail Courmayeur (gara che si sviluppa lungo un percorso di 105km con 6600 m di dislivello positivo, da svolgersi in un tempo massimo di 30 ore - quest'ultima terminata solo in otto, ma tutti hanno raggiunto il traguardo intermedio degli 80 km) e la ricognizione sul percorso completo proprio del Tor Des Geants.

«Abbiamo già avuto qualche defezione (tra cui l'unica donna del gruppo), come è normale – ha concluso il Tenente Colonnello -. Nonostante la grande preparazione ci si scontra sempre con il limite umano. E, a volte, non basta la forza del gruppo per andare avanti. Ma siamo soldati, Alpini, e non possiamo arrenderci di fronte a nessun ostacolo». Alpini, ma con un DNA da ultratrailer.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
ALLENATI CON MH

Meglio il caffè o il tè verde? 8 buoni motivi per berli (o evitarli)

Meglio il caffè o il tè verde? 8 buoni motivi per berli (o evitarli)

08 aprile 2020

Un mese di esercizi a casa: il programma della prima settimana

Un mese di esercizi a casa: il programma della prima settimana

06 aprile 2020

Impressioni, valutazioni: il primo mese di allenamento di Fabio

Impressioni, valutazioni: il primo mese di allenamento di Fabio

01 aprile 2020

Push-up con sosta, per un torace più ampio

Push-up con sosta, per un torace più ampio

29 marzo 2020

Squat a corpo libero: i consigli di Alice Mastriani per una corretta esecuzione

Squat a corpo libero: i consigli di Alice Mastriani per una corretta esecuzione

25 marzo 2020

Weight training e wall mountain climber: 30 minuti a tutta intensità

Weight training e wall mountain climber: 30 minuti a tutta intensità

25 marzo 2020

Stretching salva-schiena

Stretching salva-schiena

24 marzo 2020

Tre esercizi per un six-pack super veloce

Tre esercizi per un six-pack super veloce

23 marzo 2020

30 minuti di workout full body ad alta intensità: il video di Giorgio Merlino

30 minuti di workout full body ad alta intensità: il video di Giorgio Merlino

21 marzo 2020

Le proteine motore del workout. Quando e cosa mangiare per rendere al meglio

Le proteine motore del workout. Quando e cosa mangiare per rendere al meglio

20 marzo 2020

SALUTE