Come prendersi cura della pelle del viso

17 August 2017
a cura della Redazione
Come prendersi cura della pelle del viso
Prenditi cura della pelle del tuo viso: segui ogni giorno questa skin routine e preparati ad avere una pelle sana, elastica e luminosa.

Una pulizia corretta e regolare mantiene la pelle sana, elastica e luminosa. Previene i danni causati dai fattori nocivi a cui la pelle è quotidianamente esposta. È la base dalla quale dipende l’efficacia di tutti gli altri trattamenti. Ecco perché il viso va deterso al risveglio e prima di andare a letto. Ecco come fare.

Fase 1. Scegliere il detergente adatto al tipo di pelle

Pelle normale/mista
Caratterizzata da una zona a T grassa (fronte, naso e mento) e dal resto del viso più secco. Nella pelle mista i tipi di pelle variano nella zona T e sulle guance. Le parti più grasse sono dovute ad una produzione eccessiva di sebo. Le parti​ più secche invece sono causate da una mancanza di sebo e da una corrispondente carenza di lipidi. In realtà la pelle mista è da considerarsi la pelle “normale” dell’adulto.
Che cosa fare
Saponi e detergenti troppo aggressivi possono danneggiare il naturale film idrolipidico che protegge la pelle. Occorre eliminare il sebo in eccesso evitando di usare prodotti che inaridiscano la pelle e difendendola dagli effetti dannosi del calcare.

​Pelle grassa
La pelle grassa è caratterizzata da una eccessiva produzione di sebo che fa apparire il viso unto, creando un ambiente ideale per il proliferare di brufoli e punti neri. Quando la produzione di sebo è eccessiva, si tratta di pelle grassa seborroica. La pelle grassa può anche assumere un aspetto secco e a buccia d’arancia. Questa complicanza è chiamata pelle asfittica. La pelle asfittica è caratterizzata da sebo ceroso e denso, frammisto a cellule cornee sfaldate, il quale ostruendo i pori forma i comedoni e ostacola la normale traspirazione cutanea. La pelle appare opaca, dal colorito grigiastro e ruvida al tatto. Molte persone, sentendosi la pelle secca la curano con prodotti idratanti, ricchi di componenti nutritivi che vanno a peggiorare la situazione.
Che cosa fare
La pelle grassa necessita di una pulizia particolarmente accurata e mirata perchè trattiene maggiormente le impurità con conseguente occlusione dei follicoli e formazione di comedoni. I detergenti non devono eccessivamente sgrassarla altrimenti si rischia un effetto rebound, cioè la pelle nel difendersi produrrà ancor piu sebo.

Pelle secca
Viene chiamata alipica quel tipo di pelle che produce meno sebo della pelle normale. Come conseguenza della mancanza di sebo, alla pelle secca mancano i lipidi di cui ha bisogno per trattenere l’idratazione e per costruire una barriera protettiva dalle aggressioni esterne. Questo porta ad una funzione barriera danneggiata. La pelle secca (Xerosi) si presenta con vari gradi di severità e in forme diverse che non sono sempre chiaramente distinguibili. Inoltre la pelle diventa più secca quando invecchia poichè diminuisce l’attività delle ghiandole sebacee e sudoripare.
Che cosa fare
La detersione va effettuata con emulsioni poco sgrassanti, a pH fisiologico che non contengano alcool.

Fase 2. Detergere al mattino

Dopo aver scelto il detergente adatto alla tua pelle è il momento di iniziare la tua skin routine.

Perché detergere al mattino
La pelle è un organo escretore. Il sudore è un liquido simile all’urina che contiene acqua, urea e sali minerali. Eliminando il sudore il corpo elimina le sostanze di scarto. Così come il sebo, le cellule morte e i residui di un eventuale trattamento notte vanno rimossi: la pulizia mattutina diventa un’esigenza fondamentale. Inoltre, dona alla pelle tutta la freschezza e l’energia di cui ha bisogno per affrontare al meglio una nuova giornata.

Fase 3. Detergere la sera

Perché detergere la sera
Le polveri sottili, depositandosi sulla pelle, creano un danno alla funzione di barriera: modificano la composizione del sebo, alterano il film idrolipidico aumentando la perdita di acqua transepidermica. Di conseguenza, la pelle si disidrata e si presenta secca e irritata.

Lo sapevi che
I danni da fumo sulla pelle compaiono in tempi molto brevi e possono dare luogo a ipossia tissutale, secchezza e alterazione del colorito, accentuazione di rughe e comparsa di macchie. Il fumo induce inoltre un incremento della produzione di enzimi che distruggono il collagene della matrice dermica favorendo un tessuto molle e rugoso. Nei pori molto dilatati si depositano catrame e nicotina.

Fase 4. Esfoliare

L'ultima fase della tua skin routine consiste nell’asportare gli strati piu superficiali dell’epidermide, mediante l’impiego di mezzi chimici e/o fisici. Permette una pulizia piu profonda, una più agevole penetrazione dei prodotti di trattamento, aiuta il rinnovamento cellulare e ha un effetto uniformante e levigante della pelle. Da effettuarsi 1 a 2 volte la settimana dopo la detersione di base.
A cura di Massimo Albini, beauty coach ed esperto di formazione nell’estetica professionale per importanti case cosmetiche

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta