Oro verde

14 December 2017
Oro verde
Tutte le virtù del pistacchio. E una ricetta sfiziosa per stupire al cenone.

Non è un’esagerazione o una pura scelta poetica quella di definire questa piccola noce dal gusto inconfondibile “oro verde”. Perché, nonostante l’antichità di questa pianta (il suo consumo risale già a più di 3000 anni fa), i suoi benefici continuano a essere oggetto di studio con risultati sempre più sorprendenti, collocando il pistacchio sul podio dei più benefici della sua categoria.

Perché i pistacchi fanno bene

Iniziamo sfatando un mito: la frutta secca non fa ingrassare. Tant’è che secondo gli esperti di nutrizione l’ideale è consumarne una manciata tutti i giorni. La frutta secca in generale, e il pistacchio in particolare, infatti, sono un valido aiuto nel controllo del peso corporeo, migliorando il profilo lipidico del sangue e procurando un senso di sazietà.
Ma quali sono gli altri benefici derivanti dal consumo di pistacchi? Contribuiscono a ridurre la pressione, anche in casi di forte stress. Sono ricchi di polifenoli, preziosi antiossidanti naturali che combattono i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare. Riducono il rischio di diabete e obesità e mantengono il giusto livello di colesterolo. Sono ricchi di magnesio, fosforo, calcio e potassio, che favoriscono un rapido recupero e il ripristino di elettroliti dopo un’intensa attività fisica. Un valido alleato, dunque, durante i tuoi allenamenti.

Visto che fanno così bene, e visto che con l’arrivo delle feste probabilmente ti toccherà ospitare a cena qualche parente o organizzerai una serata con colleghi e amici dove dovrai contribuire portando anche tu qualcosa, invece di portare il vino o il panettone/pandoro come al solito, presentati con questa reinterpretazione del tacchino americano del Thanksgiving: stupirai amici, colleghi e parenti. Basta seguire, passo dopo passo, questa ricetta. creativa, sana ma soprattutto buona!

Praline di tacchino con salsa di cranberry e granella di pistacchi

Oro verde

INGREDIENTI PER 4 PERSONE
300 g di granella di pistacchi americani tostati e salati

Per il patè di fegatini di tacchino:
350 g di fegatini di tacchino, 50 g di farina, 125 g di burro, 3 foglie di salvia, 1/2 bicchiere di Porto, 100 g di prosciutto cotto di tacchino, sale, pepe

Per il patè di tacchino:
500 g di cosce di tacchino disossate, private delle terminazioni nervose e della pelle, 500 g di lardo di maiale, 50 g di timo, 50 g di rosmarino, 50 g di alloro, pepe in grani, 200 g di burro freddo, sale, pepe

Per la marinata delle cosce di tacchino:
½ lt di cognac

Per la salsa di cranberry:
120 g di zucchero semolato, 240 ml di acqua, 350 g di mirtilli rossi, 1 arancia (succo e scorza grattugiata)

PREPARAZIONE
Per il patè di fegatini di tacchino:
Taglia il fegato a fettine, infarinalo. Fondi 20 g di burro in un tegame, insieme alla salvia, aggiungi le fettine di fegato e cuocile per 5 minuti, rigirandole di tanto in tanto. Bagna il fegato con il Porto e lascia evaporare. Aggiusta di sale e pepe, togli dal fuoco e frulla con il sughetto che il fegato avrà rilasciato in cottura, il restante burro e il prosciutto cotto di tacchino, fino a ottenere un composto omogeneo. Passa al setaccio e versa il composto in una terrina rettangolare. Copri la terrina con pellicola e mettila in frigo fino al momento di servire.

Per il patè di tacchino:
Marina le cosce nel cognac per almeno 12 ore in frigorifero. Una volta tolte dalla marinatura, prepara un trito con il lardo, le erbe aromatiche e il pepe. Copri le cosce con questo composto e cuocile in un sacchetto per alimenti sottovuoto a fuoco lento per 3 ore a 90 gradi. Togli le cosce dal sacchetto sottovuoto ed elimina il grasso in eccesso. Frulla la carne con il burro e aggiusta di sale e pepe. Lascia riposare in frigorifero per qualche ora. Stendi uno strato di patè di tacchino su un quadrato di pellicola e metti al centro una pallina di patè di fegato di tacchino. Unisci i quattro lati della pellicola e avvita il composto per ottenere una pallina. Metti in frigorifero per aiutare a mantenere la forma. Togli le praline dalla pellicola e passale nella granella di pistacchi tostati e salati. Lascia in frigorifero fino al momento di servire.

Per la salsa al cranberry:
Lava i mirtilli rossi e l’arancia e mettili da parte. In una casseruola sciogli lo zucchero con l’acqua e porta a ebollizione. Aggiungi i mirtilli rossi e fai cuocere a fuoco medio per 5-6 minuti. Rimuovi la schiuma con un cucchiaio. Aggiungi la scorza grattugiata e il succo di un’arancia, mescolando bene. Frulla tutto e poi setaccialo. Servi la salsa a temperatura ambiente con le praline di tacchino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta